Archipoeta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Archipoeta (11301165) è il nom de plume con cui è conosciuto un celebre poeta goliardico tedesco del XII secolo, tra gli autori tramandati nei Carmina Burana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poche e incerte le notizie biografiche: nativo forse di Colonia, dal 1161 lavorò in Renania al servizio di un alto prelato (forse Rainaldo di Dassel), che seguì nei suoi spostamenti attraverso l'Europa medievale. Fu autore di dieci celebri testi poetici e di una Confessio Goliae in cui descrive sé stesso come un tipico goliarda, anche se la critica recente ha in parte ridimensionato questa sua immagine licenziosa. Compare come personaggio nel romanzo Baudolino di Umberto Eco.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Confessio Goliae
  • Di lui ci sono rimasti solo dieci testi poetici:
    • I: Lingua balbus, hebes ingenio
    • II: Fama tuba dante sonum
    • III: Omnia tempus habent
    • IV: Archicancellarie, vir discrete mentis
    • V: Nocte quadam sabbati somno iam refectus
    • VI: En habeo versus te precipiente reversus
    • VII: Archicancellarie, viris maior ceteris
    • VIII: Presul urbis Agripine
    • IX: Salve, mundi domine, Cesar noster, ave!
    • X: Estuans intrinsecus ira vehementi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN265025711 · LCCN: (ENn87809097 · ISNI: (EN0000 0000 8014 7942 · GND: (DE118645609 · BNF: (FRcb124272103 (data) · CERL: cnp00397252