Apache Cordova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Apache Cordova
software
Logo
GenereIntegrated development environment
SviluppatoreApache Software Foundation
Ultima versione8.1.1 (27 settembre 2018)
Sistema operativoMultipiattaforma
LinguaggioJavaScript
LicenzaApache 2.0
(licenza libera)
Sito web

Apache Cordova (ex PhoneGap) è un framework per lo sviluppo di applicativi per dispositivi mobili originariamente creato da Nitobi. Adobe Systems acquisì Nitobi nel 2011 e creò il nuovo marchio PhoneGap, che fu poi successivamente rilasciato in versione open source e chiamato nuovamente Apache Cordova[1][2].

Apache Cordova permette ai programmatori di creare applicazioni mobili usando CSS3, HTML5 e Javascript invece di affidarsi ad API specifiche delle piattaforme Android, iOS o Windows Phone[3]. Il framework incapsula poi il codice CSS, HTML e JavaScript generato all'interno delle predette piattaforme. Le applicazioni generate dal framework non possono né considerarsi puramente native (il rendering della struttura grafica è fatto con visualizzazioni web) né basate completamente sul web (Il programma viene impacchettato come una applicazione per la distribuzione e hanno accesso alle API native dei dispositivi mobili). Mescolare snippet di codice nativo e ibrido è possibile dalla versione 1.9. Apache Cordova incapsula i programmi in applicativi mobili con Appery.io o Intel XDK.

Apache Cordova comprende un migliaio di plugin-in scritti in Java che utilizzano le API Android per essere integrate, attraverso il linguaggio Javascript, all'interno del codice html e, di conseguenza, permette agli sviluppatori di accedere all'hardware dello smartphone in modo efficace. È possibile controllare la fotocamera, il sensore GPS, il Bluetooth il giroscopio e ogni altro dispositivo hardware dello smartphone.

Al progetto Apache Cordova contribuiscono: Adobe, BlackBerry, Google, IBM, Intel, Microsoft, Mozilla e altri.[4]

Piattaforme supportate[modifica | modifica wikitesto]

Apache Cordova attualmente supporta i sistemi operativi Apple iOS, Bada, BlackBerry, Firefox OS,[5] Google Android,[6] LG webOS, Microsoft Windows Phone (7, 8 e 10), Nokia Symbian, Tizen (SDK 2.x) e Ubuntu Touch[7][8][9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adobe Announces Agreement to Acquire Nitobi, Creator of PhoneGap, Adobe.com, 3 ottobre 2011. URL consultato il 7 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2012).
  2. ^ Andre Charland's Answers on PhoneGap, Quora. URL consultato il 7 aprile 2012.
  3. ^ Jose Fermoso, PhoneGap Seeks to Bridge the Gap Between Mobile App Platforms, su GigaOM, 5 aprile 2009. URL consultato il 7 aprile 2012.
  4. ^ Cordova Contributor's Who's Who, apache.org, 2 novembre 2015. URL consultato il 2 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2015).
  5. ^ Building Cordova apps for Firefox OS ✩ Mozilla Hacks – the Web developer blog, su hacks.mozilla.org, 20 febbraio 2014. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  6. ^ Using PhoneGap and the Sony Ericsson WebSDK to develop Android apps, Android and Me. URL consultato il 7 aprile 2012.
  7. ^ Platform Support, Adobe PhoneGap. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  8. ^ PhoneGap supported features, Phonegap.com. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  9. ^ Come creare un'applicazione ibrida per dispositivi Android con Apache Cordova, michelepisani.it. URL consultato il 2 luglio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di software libero