Tizen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tizen
sistema operativo
Logo
Tizen screenshot en original.png
Schermata di Tizen 2.2 beta su uno smartphone (2013)[1]
SviluppatoreLinux Foundation, Samsung Electronics, Intel, Tizen Association
FamigliaLinux
Release iniziale1.0 (Larkspur) (30 aprile 2012; 7 anni fa)
Release corrente4.0.0.4 (29 maggio 2019; 7 mesi fa)
Ultima anteprima: 5.5 M2[2] (30 maggio 2019; 7 mesi fa)
Tipo di kernelMonolitico (Linux)
Piattaforme supportateARM, ARM64 x86 e x86-64
Metodo di aggiornamentoOTA
Gestore dei pacchettiRPM Package Manager
Interfacce graficheGrafica (Applicazioni native e Web)
Tipo licenzaSoftware libero con controparti proprietarie
LicenzaGPLv2
LGPL
Apache License 2.0
BSD
Flora License
SDK: Freeware
Stadio di sviluppoin produzione, corrente
PredecessoreMeeGo e LiMo
Sito webwww.tizen.org/

Tizen è un progetto di sistema operativo open source per dispositivi mobili basato su Linux sponsorizzato dalla Linux Foundation e dalla LiMo Foundation[3], ma utilizzato e sviluppato principalmente da Samsung Electronics.

Il progetto è stato originariamente concepito come una piattaforma basata su HTML5 per dispositivi mobili per il successo di MeeGo. Samsung ha unito il suo precedente sforzo di sistema operativo basato su Linux, Bada, in Tizen e da allora lo ha utilizzato principalmente su piattaforme come dispositivi indossabili e smart TV.

Gran parte di Tizen è un software open source, sebbene il Software development kit contenga componenti proprietari di proprietà di Samsung, e parti del sistema operativo sono concesse in licenza con Flora License, un derivato dell'Apache License 2.0 che concede una licenza di brevetto solo a "piattaforme certificate Tizen ".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto Tizen è stato costituito dalla Linux Foundation nel 2011 come successore di MeeGo, un altro sistema operativo mobile basato su Linux, con il suo principale sostenitore Intel a cui si unisce a Samsung Electronics, nonché Access Co., NEC Casio, NTT DoCoMo, Panasonic Mobile, SK Telecom, Telefónica e Vodafone come partner commerciali. Tizen sarebbe progettato per utilizzare applicazini HTML5 ed è indirizzato a piattaforme mobili e incorporate come netbook, smartphone, tablet, smart TV e sistemi di intrattenimento in auto.[4] La compagnia aerea statunitense Sprint Corporation (che era un sostenitore di MeeGo) è entrata a far parte della Tizen Association nel maggio del 2012.[5] Il 16 settembre 2012, Automotive Grade Linux ha annunciato l'intenzione di utilizzare Tizen come base della sua distribuzione di riferimento.[6]

Storia di Samsung[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 gennaio 2012 sul sito del progetto vengono pubblicati[7] codici sorgenti, software development kit (SDK) e documentazione. Viene così dato il via allo sviluppo aprendo anche delle Mailing List per gli sviluppatori. Nel gennaio 2013, Samsung ha annunciato l'intenzione di rilasciare più telefoni basati su Tizen quell'anno. Nel febbraio 2013, Samsung ha unito il suo sistema operativo Bada in Tizen.[8][9] Nell'ottobre 2013 è stato rilasciato il primo tablet Tizen di Systena, (il tablet faceva parte di un kit di sviluppo esclusivo del Giappone).[10][11][12] A fine 2013 esce la prima fotocamera Samsung con Tizen, la NX300M.[13]

Nel 2014 il gruppo sudcoreano ha abbandonato l'uso di Android Wear per i propri smartwatch e inizia ad usare Tizen, Samsung ha rilasciato il Samsung Gear 2[14] che utilizzava un sistema operativo basato su Tizen e non più su Android, come aveva il suo predecessore il Samsung Galaxy Gear, che a maggio del 2014 fu aggiornato a Tizen.

Il 14 maggio 2014, è stato annunciato che Tizen avrebbe spedito con Qt.[15] Questo progetto è stato abbandonato nel gennaio 2017.[16]

Dal 2015 è stato impiegato su alcune Smart TV Samsung e inizia ufficialmente ad utilizzarlo sui propri smartwatch, facendolo diventare nel 2017 il secondo OS per indossabili più diffuso al mondo (Watch OS al 57%, Tizen al 19% e Android Wear al 18%).[17] A maggio 2017 viene annunciato il Samsung Z4, uno smartphone base di gamma, primo ad avere la versione 3.0 di Tizen.[18].

Il 21 febbraio 2016, Samsung ha annunciato Samsung Connect Car, una soluzione per auto connessa che offre servizi diagnostici, Wi-Fi e altri servizi connessi all'auto. Il dispositivo si collega direttamente alla porta OBD-II sotto il volante.[19]

Il 16 novembre 2016, Samsung ha dichiarato che avrebbe collaborato con Microsoft per portare il supporto .NET Core a Tizen.[20]

A marzo 2019, secondo la ricerca di Strategy Analytics, circa il 21% delle smart TV vendute nel 2019 funziona sulla piattaforma Tizen che la rende la piattaforma di smart TV più popolare.[21]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tizen e le distribuzioni di software mobile a cui è correlato

Deriva da LiMo e MeeGo, che derivava a sua volta dalla combinazione di due sistemi operativi per dispositivi mobili: Maemo, sviluppato da Nokia, e Moblin, creato da Intel. Sarà il sostituto di MeeGo per gli operatori del settore mobile, e molte delle persone coinvolte in questo progetto saranno coinvolte in Tizen; tuttavia, il codice di Meego rimarrà disponibile per tutti i membri della community che desidereranno utilizzarlo o svilupparlo.[3][22] Sarà basato su HTML5 ed altri standard web e progettato per l'utilizzo su tablet, netbook, cellulari, Smart TV e sistemi a bordo di veicoli.[3] L'attuale team di sviluppo è guidato da persone di Intel e Samsung che affermano che lo sviluppo rimarrà completamente aperto.[23]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 aprile 2017, Vice ha riferito sul suo sito Web "Motherboard" che Amihai Neiderman, un esperto di sicurezza israeliano, ha trovato più di 40 vulnerabilità zero-day nel codice di Tizen, consentendo agli hacker di accedere in remoto a una vasta gamma di prodotti Samsung attuali che eseguono Tizen, come Smart TV e telefoni cellulari. Solo dopo che l'articolo è stato pubblicato, Samsung (che Neiderman ha provato a contattare mesi prima) lo ha contattato per dare seguito al rapporto[24].

Panoramica delle versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione principale Data di rilascio Nome in codice Cambiamenti rilevanti
1.0 30 aprile 2012[25] Larkspur Prima versione

Questa versione offre nuove funzionalità e altri miglioramenti, inclusi i seguenti aggiornamenti all'SDK:

  • Simulatore: un nuovo strumento basato su browser che supporta le API Tizen e consente di eseguire ed eseguire il debug delle applicazioni Web e simulare l'esecuzione di applicazioni con vari profili di dispositivo.
  • IDE: i miglioramenti includono una maggiore flessibilità riguardo ai modelli e agli strumenti di debug.
  • Emulatore: prestazioni dell'emulatore significativamente migliorate tramite Intel Hardware Acceleration Manager per Windows e accelerazione OpenGL per Linux.

Gli aggiornamenti al codice sorgente della piattaforma includono:

  • Web: supporto per funzionalità aggiuntive della specifica W3C / HTML5
  • Posizione: supporto per POI (punto di interesse) e ricerca del percorso
  • Connettività: funzionalità chiave Wi-Fi Direct aggiunte
2.0 alpha 25 settembre 2012[26] Magnolia
  • Framework Web avanzato che fornisce un migliore supporto API HTML5 / W3C e più API per dispositivi Tizen
    • Runtime Web basato su Webkit2 multi-processo che offre maggiore sicurezza e affidabilità per le applicazioni Web
    • Funzionalità HTML5 avanzate come sottotitoli e sottotitoli video, API di stato della batteria, API di orientamento dello schermo, <keygen> e <dettagli> e altro
    • Nuove API per dispositivi Tizen per trasferimento file, notifiche e controllo dell'alimentazione
  • IDE e SDK avanzati per lo sviluppo di applicazioni Web
    • Installa il supporto gestore per l'installazione di rete basata su istantanee
    • Supporto avanzato per OpenGL ES
  • Nuovo Platform SDK che aiuta lo sviluppo della piattaforma basato su OBS
2.0 18 febbraio 2013[27] Magnolia
  • Framework Web avanzato che fornisce il supporto API HTML5 / W3C all'avanguardia
  • Framework dell'interfaccia utente Web, incluso il supporto a schermo intero e multi-finestra
  • API aggiuntive del dispositivo Tizen, come il supporto Bluetooth e NFC e accesso al calendario del dispositivo, alla cronologia delle chiamate e ai sottosistemi di messaggistica
  • Framework Web Runtime che supporta nuovi elementi di configurazione per specificare le funzionalità e i privilegi richiesti e fornire l'ambiente di runtime di base per i plug-in NPRuntime
  • Framework nativo che supporta lo sviluppo di applicazioni complete e che offre una varietà di funzionalità come applicazioni in background, IP Push e TTS (sintesi vocale)
  • Applicazioni di riferimento native e di base tra cui Calendario, Contatti, Galleria, Telefono, Impostazioni e Lettore video
  • IDE Web avanzato che fornisce ambiente di progettazione WYSIWYG, ispettore JavaScript basato su Chrome e visualizzatore di log JavaScript
  • IDE nativo che fornisce una procedura guidata di progetto, un ambiente di progettazione WYSIWYG, uno strumento di unit test e un analizzatore dinamico
2.1 18 maggio 2013[28] Nectarine
  • Framework Web avanzato che offre state-of-the-art di supporto HTML5/W3C API comprese le nuove funzioni, come ad esempio Content Security Policy 1.0 e Timing di navigazione, e gli aggiornamenti delle specifiche rilevanti-
  • Framework Web DynamicBox runtime supporta l'embedding di Web DynamicBox in applicazioni viewer-like (ad esempio, l'applicazione schermata iniziale).
  • Web Enhanced IDE offre un ambiente di progettazione WYSIWYG, Chrome-based JavaScript ispettore, e JavaScript log viewer.
  • IDE Native fornendo un wizard di progetto, ambiente WYSIWYG di progettazione, strumento di test di unità, e analizzatore dinamico.
2.2 21 luglio 2013[29]
  • Modifiche all'interfaccia utente e alla UX come il supporto per le chiavi H / W.
2.3 Alpha 3 giugno 2014[30]
  • Miglioramento delle prestazioni e webkit più leggero nonché aggiornamento della versione di webkit
  • Funzioni BT LE per la connettività dei dispositivi indossabili come privacy e ruolo periferico
2.3 8 novembre 2014[31]
  • DK integrato basato su profili multi-dispositivo: supporta sia dispositivi mobili che dispositivi indossabili con un singolo SDK
  • Nuove API native per applicazioni native, in sostituzione della precedente API nativa Tizen 2.2.1
  • API per dispositivi Web estese come API per il monitoraggio delle attività umane, API per sensori, ecc
  • Framework UI Web migliorato per le prestazioni (jQM -> pure JS)
  • Analizzatore dinamico migliorato per aiutare a trovare colli di bottiglia delle prestazioni, bug e altri buchi monitorando con precisione l'esecuzione della tua app
2.4 22 ottobre 2015[32] Tizen 2015 UX
  • Rich winsets e stili ricchi
  • Nuove app di riferimento Tizen (come browser, lettore musicale e calendario)

Nuove caratteristiche:

  • Criterio di background dell'applicazione per limitare le risorse della CPU per i processi dell'applicazione in background
  • Application Resource Manager per supportare le applicazioni per più risoluzioni dello schermo
  • Servizio mappe per supportare geocodice, individuazione dei luoghi e calcolo del percorso
  • Sync Manager per pianificare il tempo di accesso al server affinché le applicazioni possano sincronizzare i dati tra un server e un dispositivo
  • Service Adapter (per Cloud Storage) per accedere a un archivio remoto come dispositivo locale
  • DALi per un rendering leggero basato su OpenGL ES
  • Smartcard e NFC HCE (Host Card Emulation) supportano per facilitare un servizio di pagamento mobile
  • Sicurezza applicata
  • Sono state aggiunte oltre 3.000 nuove API , come IME (metodo di input), visione multimediale, sistema di eventi e controllo vocale
3.0 18 gennaio 2017[33][34]
4.0.0.4 29 maggio 2019[35]

Dispositivi compatibili[modifica | modifica wikitesto]

Samsung Galaxy Watch Active con Tizen in esecuzione

Videocamera[modifica | modifica wikitesto]

Videocamera NX300 con Tizen

Smartphone[modifica | modifica wikitesto]

Apparecchio[modifica | modifica wikitesto]

  • Family Hub 3.0 Refrigerator [senza fonte]

Controller da parete a LED[modifica | modifica wikitesto]

Tizen Store[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 maggio 2013 è stato annunciato tramite Twitter che lo store di applicazioni per Tizen è aperto. Ora si possono pubblicare le app per il controllo qualità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) UI Overview | Tizen Developers, su developer.tizen.org.
  2. ^ (EN) Tizen 5.5 Public M1 Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 4 marzo 2019.
  3. ^ a b c Imad Sousou, What's Next for MeeGo, meego.com. URL consultato il 28 settembre 2011.
  4. ^ (EN) Thomas Ricker, MeeGo is dead: Resurrected as Tizen, the newest Linux-based open source OS, su The Verge, 28 settembre 2011. URL consultato il 1º novembre 2019.
  5. ^ (EN) Adi Robertson, Sprint becomes first North American carrier to join Tizen Association, su The Verge, 7 maggio 2012. URL consultato il 1º novembre 2019.
  6. ^ (EN) Jo Best, Tizen Linux heads for vehicles as car makers and tech firms form workgroup, su ZDNet, 19 settembre 2012. URL consultato il 1º novembre 2019.
  7. ^ (EN) An Early Look at Tizen, tizen.org. URL consultato il 9 gennaio 2012.
  8. ^ (EN) Sam Byford, Samsung finally folding Bada OS into Tizen, su The Verge, 25 febbraio 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  9. ^ (EN) Aaron Souppouris, Samsung confirms it will launch multiple Tizen handsets this year, su The Verge, 3 gennaio 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  10. ^ (EN) Eric Brown, World's first Tizen tablet?, su LinuxGizmos.com, 27 giugno 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  11. ^ (EN) Eric Brown, First Tizen tablet ships to developers, su LinuxGizmos.com, 25 ottobre 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  12. ^ (EN) Sean Buckley, First Tizen tablet launches in Japan, caters exclusively to developers, su Engadget, 25 ottobre 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  13. ^ (EN) Matt Brian, Samsung's NX300M smart camera is its first to run Tizen OS, su Engadget, 11 novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2019.
  14. ^ (EN) Vlad Savov, Samsung drops Android for Tizen in new Gear 2 smartwatches, su The Verge, 22 febbraio 2014. URL consultato il 1º novembre 2019.
  15. ^ (EN) Sam, Tizen:Common to Ship with Qt Integrated, su IoT Gadgets, 14 maggio 2014. URL consultato il 1º novembre 2019.
  16. ^ (EN) Tizen - Qt Wiki, su wiki.qt.io. URL consultato il 1º novembre 2019.
  17. ^ Andrea Signorelli, Tizen di Samsung è il secondo sistema operativo per smartwatch più diffuso al mondo, su www.lastampa.it, 13 maggio 2017. URL consultato il 1º novembre 2019.
  18. ^ Alessio Amoruso, Samsung Z4, il primo smartphone con Tizen 3.0, su tomshw.it, 12 maggio 2017. URL consultato il 1º novembre 2019.
  19. ^ (EN) Samsung Ushers in a New Era of Driving Experience with Samsung Connect Auto, su Samsung Mobile Press | Samsung Mobile press Official website. URL consultato il 1º novembre 2019.
  20. ^ (EN) Samsung announces .NET Core support and Visual Studio Tools for Tizen OS, su MSPoweruser, 16 novembre 2016. URL consultato il 1º novembre 2019.
  21. ^ (EN) Ben Munson, Samsung’s Tizen OS dominates global smart TV market, su FierceVideo, 25 marzo 2019. URL consultato il 1º novembre 2019.
  22. ^ Ryan Paul, MeeGo rebooted as Intel and Samsung launch new Tizen platform, Ars Technica. URL consultato il 28 settembre 2011.
  23. ^ Dawn Foster, Welcome to Tizen!, tizen.org. URL consultato il 28 settembre 2011.
  24. ^ (EN) Kim Zetter, Samsung's Android Replacement Is a Hacker's Dream, su Vice, 3 aprile 2017. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  25. ^ (EN) Tizen 1.0 Larkspur SDK and Source Code Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  26. ^ (EN) Tizen 2.0 Alpha SDK and Source Code release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 1º novembre 2019.
  27. ^ (EN) Tizen 2.0 SDK and Source Code Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  28. ^ (EN) Tizen 2.1 Beta SDK and Source Code Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 1º novembre 2019.
  29. ^ (EN) Tizen 2.2 Beta SDK Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 1º novembre 2019.
  30. ^ (EN) Tizen 2.3 Alpha SDK and Source Code Release | Tizen, su www.tizen.org. URL consultato il 1º novembre 2019.
  31. ^ (EN) Tizen 2.3 SDK Release. Il sistema è stato rilasciato inizialmente l'8 novembre 2014, ma successivamente sono state prodotte tre revisioni del medesimo rilascio, l'ultima delle quali è del 6 luglio 2015. Inoltre è stata prodotta una versione particolare, denominata 2.3.2 for Wearable (v. Release Notes).
  32. ^ (EN) Tizen 2.4 Release Notes Archiviato il 19 aprile 2016 in Internet Archive. Sono state rilasciate 8 revisioni, l'ultima delle quali il 6 agosto 2016.
  33. ^ (EN) Tizen 3.0 Public M2 for Mobile/Wearable/TV Release Notes, su developer.tizen.org. URL consultato il 15 aprile 2017.
  34. ^ (EN) Tizen 3.0 Milestones | Tizen Source, su source.tizen.org. URL consultato il 1º novembre 2019.
  35. ^ (EN) Notify Update (Notifiche aggiornamenti), su doc.samsungmobile.com. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  36. ^ (EN) accessories | SBB-SNOWJ3U | Samsung Display Solutions, su displaysolutions.samsung.com. URL consultato il 31 ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]