Antonello Caporale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonello Caporale (Palomonte, 11 settembre 1961) è un giornalista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 si laurea in Giurisprudenza all'Università di Salerno, con una tesi di laurea sui limiti e le incongruenze della legislazione d'emergenza per le aree terremotate. Si trasferisce a Roma, dove consegue, alla Luiss, il master in giornalismo e comunicazioni di massa. Dopo una breve parentesi al quotidiano l'Unità, viene assunto da Repubblica nel giugno del 1989.[1]

Inviato del giornale, vi scrive di politica ed è stato ideatore e autore delle interviste "Senza rete", poi raccolte, con l'aggiunta di alcuni inediti, in un volume dal titolo La Ciurma. Ha firmato "Il Breviario", rubrica quotidiana di pillole di vita politica e, su Repubblica.it, "Piccola Italia".

Ha fondato l'Osservatorio permanente del doposisma della Fondazione MIdA.

Lasciata la Repubblica, è passato lavorare per Il Fatto Quotidiano, di cui è caporedattore.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 - Controvento. Il tesoro che il Sud non sa di avere - Mondadori
  • 2010 - Terremoti Spa. Dall'Irpinia all'Aquila. Così i politici sfruttano le disgrazie e dividono il Paese - Rizzoli
  • 2009 - Peccatori. Gli italiani nei dieci comandamenti - Baldini Castoldi Dalai editore
  • 2008 - Mediocri. I potenti dell'Italia immobile - Baldini Castoldi Dalai editore
  • 2007 - Impuniti. Storia di un sistema incapace, sprecone e felice - Baldini Castoldi Dalai editore
  • 2006 - La ciurma. Incontri straordinari sul barcone della politica - L'Ancora del Mediterraneo

Documentaristica[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014: La vita è un treno, tremila chilometri di binari morti, docu-serie per il web. Regia di Enzo Monteleone.
  • 2014: Alfabeto, Alla radice del lavoro, docu-serie per il web. Regia di Toni Trupia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tracce di me - Il blog di Antonello Caporale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]