Antipapa Eulalio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eulalio (... – 423) è stato antipapa dal dicembre 418 all'aprile 419.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 dicembre 418, subito dopo la morte di papa Zosimo, una fazione del clero romano, composta principalmente da diaconi, occupò la basilica Laterana ed elesse papa l'arcidiacono Eulalio, che venne consacrato dal vescovo di Ostia.[1] L'alto clero tentò di entrare, ma fu violentemente respinto dai sostenitori del partito di Eulalio. Il giorno successivo, questi ultimi convennero in una basilica romana non chiaramente identificata, detta Santa Teodora o di Teodoro, ed elessero papa l'anziano Bonifacio,[2] cardinale di San Lorenzo in Damaso.

L'Imperatore Onorio, ricevuto un rapporto favorevole ad Eulalio dal prefetto della città, Simmaco, riconobbe in un primo tempo Eulalio come papa legittimo.[1][2] Tuttavia ad Onorio giunsero successivamente, da parte dei presbiteri, informazioni diverse da quelle di Simmaco, cosicché egli riunì un sinodo (che fu il primo intervento da parte di un imperatore nelle elezioni papali) a Ravenna per decidere del problema. Non essendoci nessun chiaro risultato egli ordinò che entrambi i pretendenti venissero allontanati da Roma in attesa di un secondo sinodo da tenersi a Spoleto. Eulalio comunque, dopo essersi recato ad Anzio, tornò in città per celebrare i riti di Pasqua in Laterano, riti dei quali Onorio aveva incaricato il vescovo di Spoleto, Achilleo. La trasgressione all'ordine dell'imperatore fece sì che quest'ultimo ritirasse il suo appoggio ad Eulalio, confermando Bonifacio e revocando il progettato sinodo di Spoleto.[1] Eulalio si ritirò ad Anzio. Il Liber Pontificalis parla di un conferimento episcopale ad Eulalio dopo questi fatti, ma non è chiaro dove.[1] La morte lo colse nel 423.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d John N.D. Kelly, Gran Dizionario Illustrato dei Papi, p. 121
  2. ^ a b Claudio Rendina, I papi - Storia e segreti, p. 104

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I papi - Storia e segreti: dalle biografie dei 264 romani pontefici rivivono retroscena e misteri della cattedra di Pietro tra antipapi, giubilei, conclavi e concili ecumenici, Roma, Newton & Compton, 1983, ISBN non esistente.
  • John N.D. Kelly, Gran Dizionario Illustrato dei Papi, Casale Monferrato, Edizioni Piemme, 1989, ISBN 88-384-1326-6.
Controllo di autoritàVIAF (EN10651323 · GND (DE119222655 · CERL cnp00550457