Anticlea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anticlea
Anticlea in the Underworld.jpg
Anticlea nell'Ade, in primo piano Ulisse.
Nome orig.Άντίκλεια
SoprannomeAutolia
SessoFemmina

Anticlea (in greco antico: Άντίκλεια) è un personaggio della mitologia greca, era la figlia di Autolico, quindi nipote di Ermes.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Anticlea figlia di Autolico e di Anfitea, fu la madre di Ulisse (chiamato anche Odisseo) avuto da Laerte.

La donna morì di dolore in seguito alla lunga assenza del figlio, preoccupata per le sue sorti sia nella Guerra di Troia sia durante il suo ritorno a casa.

Tradizioni secondarie[modifica | modifica wikitesto]

Secondo autori successivi ad Omero, il padre di Ulisse non era Laerte bensì Sisifo: prima delle nozze, Anticlea venne rapita e violentata dal figlio di Eolo per punire suo padre per i continui furti di bestiame che operava. Da tale unione nacque Ulisse[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F. S. Villarosa, Dizionario mitologico-storico-poetico, vol. I, Napoli, Tipografia Nicola Vanspandoch e C., 1841, p. 53.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca