Ctesippo (di Samo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ctesippo
SagaCiclo troiano
Nome orig.Κτήσιππος
1ª app. inOdissea
SessoMaschio
Luogo di nascitaSamo

Ctesippo (in greco antico: Κτήσιππος, Ktésippos) è un personaggio della mitologia greca, uno dei Pretendenti di Penelope.[1]

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Samo, il "senza legge" Ctesippo, figlio di Politerse, era uno dei Proci più arroganti e scortesi e possedeva una "ricchezza favolosa".

Si prese gioco di Ulisse camuffato da mendicante lanciandogli una zampa di bue come "dono", facendosi beffe della xenia, ma Ulisse la schivò e Telemaco minacciò Ctesippo che se lo avesse colpito lo avrebbe trafitto con la sua lancia.

Più tardi, nella battaglia tra Ulisse ed i Proci, Ctesippo tentò di uccidere Eumeo con una lancia, ma non ci riuscì grazie all'intervento della dea Atena.

Ctesippo fu ucciso da Filezio, che vendicò così la mancanza di rispetto verso il suo padrone.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Omero, Odissea, XX, 288.
  2. ^ Pseudo-Apollodoro, Epitome, VII, 30.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca