Medonte (Odissea)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Medonte (in greco Μέδων) è un personaggio mitologico dell'Odissea.

Nell'opera di Omero Medonte è l'araldo dei Proci. Rimasto fedele alla casa di Ulisse ha svelato a Penelope il complotto di Proci contro Telemaco e per questo fu risparmiato quando il re di Itaca, al ritorno del suo lungo viaggio, mise in pratica la sua vendetta massacrando tutti i Proci e i traditori della sua reggia, incluse le ancelle infedeli. Solo Medonte e l'aedo Femio si salvarono[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Odissea , Libro XXII

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]