Animals United

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Animals United
Animals United.jpg
Una scena del film
Titolo originaleKonferenz der Tiere
Lingua originaletedesco
Paese di produzioneGermania
Anno2010
Durata93 minuti
Genereanimazione, commedia, avventura
RegiaReinhard Klooss, Holger Tappe
SoggettoErich Kästner
SceneggiaturaOliver Huzly, Reinhard Klooss, Klaus Richter, Sven Severin
ProduttoreReinhard Klooss, Holger Tappe, Maya Gräfin Rothkirch, Thilo Rothkirch
Casa di produzioneRothkirch Cartoon Film
Distribuzione (Italia)Moviemax
MontaggioAlexander Dittner
MusicheDavid Newman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Animals United (Konferenz der Tiere) è un film d'animazione del 2010 realizzato in CGI, diretto da Reinhard Klooss e Holger Tappe, basato su un romanzo di Erich Kästner.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In Africa, nell'Okavango, l'acqua scarseggia e per gli animali è un problema. Il suricato Billy è in crisi con sua moglie Bonnie e suo figlio Billy, in quanto si distrae continuamente, dimenticando di prendere l'acqua da uno dei pochi laghi rimasti, conteso tra bufali (con a capo Grugno) e rinoceronti (con a capo Rino), e comportandosi in modo spesso infantile. Nel frattempo l'orsa polare Sushi finisce per andare alla deriva nell'oceano a seguito dello scioglimento dei ghiacci, e le anziane tartarughe delle Galàpagos, Winston e Giorgina, insieme da 700 anni, si mettono in cerca di una nuova casa a seguito dell'affondamento di una nave, il cui equipaggio era ubriaco, che riempie la costa di petrolio. Il canguro Toby, dopo essere stato abbandonato dal suo amico Ken, un koala (tratto in salvo da un essere umano), ed essere sopravvissuto ad un incendio causato da un pezzo di una bottiglia di vetro buttata a terra da un motociclista, incontra Diablo, un diavolo della Tasmania con "problemi di gas" ed incapace di parlare, e i due decidono di partire per una crociera nell'oceano. Oltre un mese dopo il gallo francese Charles, che si trova su una nave e sta per essere ucciso da un cuoco, riesce a fuggire gettandosi dall'oblò ma anziché cadere in mare finisce su una vasca da bagno dove Sushi, Winston, Giorgina, Toby e Diablo stanno viaggiando, casualmente incontratisi durante i loro viaggi negli oceani, con una meta ben precisa: raggiungere l'Okavango, unico luogo non ancora contaminato dagli esseri umani, di cui le tartarughe sono venute a conoscenza da alcuni uccelli migratori, e Charles acconsente, autoproclamandosi guida del gruppo. Intanto, Billy e il suo amico Socrate, un leone vegetariano, si sono messi in viaggio per la Valle della Morte, luogo molto pericoloso a causa della presenza di un'aggressiva e mortale pantera e di un'altra misteriosa creatura, ma da dove dovrebbe provenire l'acqua, e nel quale abitano tre avvoltoi che non aspettano altro che cibarsi di un animale morto per la siccità. Qui vengono attaccati e, nella corsa, Billy si separa da Socrate e proprio quando sta per essere mangiato viene salvato da Sushi, che alzandosi sulle zampe posteriori e rugliando (ruggendo) mette in fuga la pantera. I due sono inizialmente sorpresi nel vedere un orso polare, un gallo, un canguro, un diavolo della Tasmania ("bocca ambulante", a detta di Socrate) e due tartarughe giganti in Africa, ma rimangono dell'obiettivo di scoprire perché l'acqua manchi, e i sei acconsentono a dargli una mano, essendo questa la loro nuova casa. La mattina seguente, però, Sushi si rende conto di non poter continuare a causa del caldo insopportabile, essendo lei un animale adatto a climi freddissimi, e così Charles decide di rimanere con lei e le tartarughe, anch'esse troppo stanche per continuare, mentre Billy, Socrate, Toby e Diablo dovranno proseguire. I quattro si trovano ben presto di fronte ad un'enorme diga, costruita da alcuni esseri umani per creare un resort "immerso nella natura", senza curarsi degli animali; inizialmente coperti da Toto, uno scimpanzé domestico che vive come un essere umano, i quattro si divertono ma ben presto vengono scoperti e il cacciatore del resort (Hunter) cerca di fermarli, riuscendo a impedire la fuga a Socrate che viene imprigionato e sarà venduto a un casinò di Las Vegas. Charles convince Angie, un'elefantessa, presidente degli animali di quella parte dell'Africa, sempre accompagnata dalla sua amica Gisella, una giraffa, a indire un'assemblea di tutti gli animali, nella quale Giorgina parla in modo toccante di quello che è successo alla loro precedente casa, rovinata dagli esseri umani, cercando di spronare gli animali dell'Africa ad aiutare al fine di evitare la distruzione dell'Okavango. Disgraziatamente, quella stessa sera, Giorgina muore dopo aver detto a Winston quanto sia stato bello vivere con lui, e il marito rimane talmente scioccato da morire anche lui, pochi secondi dopo. Quando tutti gli animali apprendono la notizia ne rimangono davvero scossi e decidono di partire, forse per evitare che qualcun altro muoia; i rinoceronti e i bufali, però, non lo fanno, ma cambiano idea dopo aver visto che "l'oracolo" verso il quale avevano fiducia era in realtà un semplice cercopiteco che faceva da parrucchiere agli altri animali. Così, tutti si dirigono alla diga, cercando, prendendola a testate, di romperla e far fuoriuscire l'acqua, ma Hunter vedendo tutto ciò prende un piccolo aereo dal quale vuole sganciare un missile per uccidere tutti gli animali presenti ma viene all'ultimo momento fermato da Toto, che capisce di voler stare dalla parte degli animali e non degli esseri umani, il quale fa precipitare l'aereo, ma, essendo sopravvissuto insieme ad Hunter, rischia di essere ucciso da quest'ultimo con un fucile, ma l'oracolo-parrucchiere, che ha anche capito che vale la pena aiutare gli altri animali, lo salva facendo cadere una grossa pietra sulla testa del cacciatore, tramortendolo, mentre il missile si stacca dall'aereo e finisce in uno dei canali di scolo della diga, bloccandosi lì ma ancora capace di esplodere. Nel frattempo Socrate viene liberato da Maya Smith, figlia del capo del resort, la quale ha a cuore gli animali a differenza del padre, e incontra Hunter che è intanto risalito e, accortosi della fuga del leone, lo stava cercando. Il cacciatore si prepara a ucciderlo ma ha un flashback: si rende conto che Socrate era il leone in compagnia di un altro leone, Mambo, fratello di Socrate, che lui aveva ucciso (Hunter era infatti la "misteriosa creatura", e tiene ancora la pelle di Mambo nella sua stanza come trofeo) nella Valle della Morte, nella quale i due felini si erano avventurati alcuni anni prima. Scioccato da tutto ciò, cade in una piscina che viene svuotata con un pulsante dallo stesso Socrate, finendo nella Valle di fronte agli animali, per poi perdere i sensi grazie a una flatulenza di Diablo. Mentre gli animali continuano a sbattere i piedi a terra e colpire la diga nel tentativo di far uscire l'acqua, Billy utilizza un bastone per lanciare una pallina di cacca iena, che lui usava per giocare a una sorta di golf, per riattivare il missile che esplode, distruggendo la diga e riversando tutta l'acqua nella Valle, e qui Billy e Socrate si riuniscono, e il primo rende finalmente orgogliosi moglie e figlio. Smith è devastato per quello che è successo, il suo resort è distrutto, anche a causa di termiti e tarme, chiamate dagli animali, che hanno distrutto documenti e vestiti di coloro che si trovavano nel resort, ma Maya cerca di rincuorarlo dicendo che almeno gli animali sono felici, e questi stanno effettivamente festeggiando il ritorno dell'acqua, e durante questo momento Angie e Charles si fidanzano e la pantera diventa buona e vegetariana, come Socrate. Alla fine, tutti gli animali, compresi Billy, Socrate, Charles, Toby, Diablo, Sushi e Pardo (la pantera), vengono trasportati da alcune balenottere azzurre a New York City, presumibilmente per trovare un accordo con gli umani, e Sushi ottiene finalmente un po' di fresco entrando in un camion dei gelati sotto lo sguardo sconcertato del proprietario, mentre Toby incontra Ken in un bar e l'oracolo-parrucchiere, non essendo voluto partire, si ritrova solo con una talpa "ritardataria" in Africa.

Animali del film[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]