Andrea da Barberino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea da Barberino, al secolo Andrea Mengabotti o Andrea de' Mengabotti (Barberino Val d'Elsa, 1370 circa – 1432 circa), è stato uno scrittore italiano di epoca medioevale[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea è figlio di Jacopo di Tieni de' Magnabotti o Mangiabotti, originario di Barberino Val d'Elsa; tuttavia non è certo se Andrea sia nato a Barberino o a Firenze, dove sicuramente visse in via della Pergola.

Era proprietario di alcuni terreni agricoli della Pieve a Settimo, coltivati a vigna e grano.

Ebbe due mogli, come si ricava dalle portate catastali del 1427, dove risulta sposato con una certa Gostanza, di 26 anni più anziana di lui, e del 1430, dove risulta sposato con una donna chiamata Ricca. Tuttavia non ebbe alcun figlio e nel testamento, redatto il 14 agosto 1431, è indicato come unico erede il nipote Andrea di Giovanni di Francesco, di professione materassaio.

Fu un popolare maestro di canto, cantastorie e compositore di romanzi cavallereschi in volgare fiorentino. È noto che Andrea leggesse le sue opere sulle piazze, come canterino comunale o giullare, e quella di San Martino al Vescovo era la sua favorita.

Andrea muore presumibilmente a Firenze: si ignora la data esatta dell'evento, ma è noto che il testamento fu reso pubblico tra il 1431 e il 1433.[2]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Gli scritti sono per lo più stilati in lingua volgare fiorentina, nella quale l'autore è solito inserire alcune espressioni francesi. Lo stile è vario a seconda della narrazione: registro comico e realistico nei racconti delle battaglie, aulico nella descrizione della vita di corte, mediano nella rappresentazione del mondo fatato e fantastico dell'immaginario medievale, fortemente presente nei suoi romanzi.

Piazza San Martino a Firenze

Nei racconti sono spesso inseriti detti proverbiali, sentenze e massime, solitamente riferiti alle donne e agli ecclesiastici.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Andrea fu cultore della letteratura cavalleresca, trascrittore della lettura epica italiana del basso medioevo e prolifico traduttore delle chanson de geste francesi[3]. Le sue opere e i suoi romanzi cavallereschi si innestano sulle austere narrazioni del ciclo carolingio e quelle frizzanti della materia di Bretagna, che egli rielabora, reinterpreta ed estende nell'ambito della cultura borghese del tempo. Importante dal punto di vista storico-letterario questa sua opera di trasposizione che ha tramandato nel tempo queste tradizioni.[4] Le sue opere più importanti (I Reali di Francia e Il Guerrin Meschino) furono ristampate fino al XIX secolo, ed influenzarono gli autori successivi del rinascimento: Luigi Pulci, Matteo Maria Boiardo e Ludovico Ariosto.

Tra le sue opere vanno annoverate:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: It.encarta.msn.com Archiviato l'8 maggio 2005 in Internet Archive.
  2. ^ MANGIABOTTI, Andrea in "Dizionario Biografico", su www.treccani.it. URL consultato il 24 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2019).
  3. ^ Approfondimento
  4. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.I, pag.216
  5. ^ E-text de I Reali di Francia Archiviato il 7 dicembre 2008 in Internet Archive. su Liber Liber
  6. ^ Vedi capitolo in e-text su Classicitaliani.it
  7. ^ Vedi: Books.google.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Catà, L'idea di "anima stellata" nel Quattrocento fiorentino. Andrea da Barberino e la teoria psico-astrologica in Marsilio Ficino, in “Bruniana & Campanelliana”, XVI, 2 (2010), pp. 629–639.
  • Cesare Catà, Il retroterra "celtico" di Andrea da Barberino. Significati storico-filosofici del mitema dell'incontro tra il Cavaliere e la Fata-Sibilla, in S. Papetti (a cura di), Corrado Giaquinto tra Fortunato Duranti e la Sibilla, Montefortino, 2010, pp. 63–81.
  • Andrea da Barberino, Guerino detto il Meschino, libero adattamento di Daniela Camboni e Maria Rossi, illustrazioni di Cecco Mariniello, Nuove Edizioni Romane, Roma, 1993
  • I Monti Sibillini nelle fonti storiche e letterarie, Gianni Maroni editore, Ripatransone, 1990
  • Andrea da Barberino, Guerrin meschino, Nella inclyta citta de Millano, Impresso per li discreti impressori magistro Leonardo Pachel et Ulderico Scincenczeler compagni, nelli anni del signore MCCCCLXXXII a di XIII mensis aprilis.
  • Andrea da Barberino, Reali di Francia, Opera impressa in Venetia, per Christophalo de Pensis da Mandello, nel anno del nostro signore MCCCCLXXXXVIIII adi XXVII de marzo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32023507 · ISNI (EN0000 0001 0884 7845 · SBN IT\ICCU\RAVV\052174 · LCCN (ENn97025851 · GND (DE119323699 · BNF (FRcb12090900s (data) · BAV ADV10147551 · CERL cnp00405451 · WorldCat Identities (ENn97-025851