Andrea Garbin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Garbin (Castel Goffredo, 22 marzo 1976) è un poeta, scrittore e drammaturgo italiano. È fondatore del Movimento dal sottosuolo

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Garbin inizia a scrivere racconti e le prime poesie all'inizio degli anni novanta. Tra il 2007 e 2008 partecipa agli incontri di lettura e scrittura di Mantova, tra i cui curatori ci sono Davide Bregola, Sergio Rotino, Giorgio Vasta e Giulio Milani. Alla fine del ciclo di incontri, nel 2008, viene pubblicata l'antologia di racconti Per natale non esco, che contiene il suo racconto Un pacco di Natale.

Con la creazione degli Incontri di poesia dal Sottosuolo e dei Contrasti Letterari, si susseguono serate che hanno visto anche l'intervento di numerosi autori di livello internazionale tra cui Elisa Biagini, Aleksandra Gennadievna Petrova, Jack Hirschman, Paul Polansky, Alberto Mori, Dave Lordan, Ferruccio Brugnaro, Antonieta Villamil, Mark Lipman, Agneta Falk, Sandro Sardella, Gianluca Paciucci, Neeli Cherkovski, Naim Araidi, Milo De Angelis, Nenad Glišić, Ivana Maksić, Sarah Menefee, Beppe Costa.

Nel 2009 partecipa a Sconfinatementi, gemellaggio culturale tra il Caffè Letterario Primo Piano di Brescia e lo Studentski Kulturni centar di Kragujevac in Serbia. Nel 2010 inizia la collaborazione con Thauma Edizioni, di Serse Cardellini. Con Fabio Barcellandi è curatore, per la regione Lombardia, della Collana poetica itinerante, esperienza che si chiude nel 2014. Dal 2014 dirige, per Gilgamesh Edizioni, la collana di poesia contemporanea Le zanzare.

Il Movimento dal sottosuolo[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nasce a fine 2009 e si amplia con la stesura del Manifesto Letterario dal sottosuolo, scritto da Garbin. Tra i membri figurano anche Fabio Barcellandi, Valeria Raimondi, Luca Artioli, Viorel Boldis, Igor Costanzo, Fabrizio Arrighi, Valbona Jakova, Stefania Battistella, Beppe Costa, Liliana Arena, Alessandro Assiri, Franca Palmieri, Antioche Tambre Tambre. Elemento distintivo del movimento sono gli atti performativi collettivi denominati tutti alla stessa maniera: Manifest'Azione dal Sottosuolo.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 inizia il suo percorso nel mondo del teatro, come attore, esibendosi con il Living Theatre in Mysteries and Smaller Pieces presso il Teatro Comunale di Medole (MN). In seguito si unisce ad una compagnia di teatro di ricerca, lavorando su testi di Boccaccio, Jerome K. Jerome, Harold Pinter, Samuel Beckett, Bertolt Brecht, Eugene Ionesco. Conosce e collabora con Fernando Arrabal. Nel 2010 entra in contatto con l'Odin Teatret: partecipa a laboratori di Julia Varley e al baratto culturale (Barter) intitolato "Il canto della festa e del ricordo", diretto dai Kai Bredholt. Nel 2011 inizia ad interessarsi della biomeccanica teatrale di Vsevolod Ėmil'evič Mejerchol'd. Nel 2013 torna a collaborare con Arrabal realizzando l'introduzione critica al testo Il castello dei clandestini e presentato in alcune città italiane.

Collana di poesia Le zanzare[modifica | modifica wikitesto]

Ideata e diretta da Andrea Garbin. I temi più caldi sono l'utilità della poesia, guerra e pace, e ogni aspetto problematico della società odierna. Sono ad oggi pubblicati: Beppe Costa e Serse Cardellini (Italia), Basir Ahang[1] (Afghanistan), Ivana Maksić e Nenad Glišić (Serbia), Leyla Patricia Quintana Marxelly (San Salvador), Alejandro Murguía (USA).

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Per natale non esco: un pacco di natale, AA.VV. TranseuropaLibri 2008, ISBN 9788875800253
  • Il rumore degli occhi: Metri 27, AA.VV. Edizioni Creativa 2009, ISBN 9788889841761 Premio Della Giuria al Concorso Città di Salò del 2010.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gazzetta di Mantova: quando la poesia punge risveglia anche le coscienze
  2. ^ Gazzetta di Mantova: incontro con Andrea Garbin poeta da premio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]