Andrea Colombo (giornalista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Colombo (Roma, 22 novembre 1954) è un giornalista, scrittore e commentatore politico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giornalista di lungo corso ed ex militante di Potere Operaio, in passato ha scritto per Liberazione, Il manifesto (del quale è cronista politico). Dal 2006 al 2008 è stato portavoce del gruppo parlamentare di Rifondazione Comunista al Senato.

Esperto degli anni '70, si occupa prevalentemente di cronaca politica e parlamentare. I suoi articoli, pur caratterizzati da un forte orientamento a sinistra, si caratterizzano per la profondità dell'analisi, per la sua frequente critica all'antiberlusconismo più feroce[1][2][3] e per uno spiccato antigiustizialismo.[4] che in più occasioni lo ha portato a criticare duramente Marco Travaglio[5][6] e Michele Santoro,[7][8] nonostante la loro popolarità a sinistra.

È stato consulente per trasmissioni televisive satiriche.[9]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Colombo è omonimo di un cronista che per lungo tempo ha scritto sul quotidiano Libero[10].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN78515231 · BNF: (FRcb165669032 (data)