Alvin Lee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alvin Lee
Alvin Lee nel 1975
Alvin Lee nel 1975
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Hard rock
Blues rock
British blues
Rock and roll
Periodo di attività 1960-2013
Sito web

Alvin Lee (Nottingham, 19 dicembre 19446 marzo 2013) è stato un chitarrista, cantante e compositore britannico noto per aver fondato e aver fatto parte dei Ten Years After.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia molto giovane a esibirsi, formando presto il celebre gruppo. Con i Ten Years After nel 1969 partecipa al festival di Woodstock dove si esibisce in un assolo di chitarra durante il brano I'm Going Home entrato nella leggenda della musica rock.[1]

Nel 1973 Alvin lascia la band per poter lavorare da solista; la riformerà nel 1989 pur sempre continuando il suo progetto solista.

I suoi principali ispiratori sono stati Chuck Berry e Scotty Moore, quest'ultimo leggendario chitarrista entrato nella Rock and Roll Hall of Fame.

È deceduto nel 2013 all'età di 68 anni per le complicazioni seguite a un intervento chirurgico[2].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Come Alvin Lee[modifica | modifica wikitesto]

  • On the Road to Freedom (1973)
  • In Flight (1974)
  • Pump Iron (1975)
  • Let It Rock (1978)
  • Rx5 (1981)
  • Detroit Diesel (1986)
  • Zoom (1992)
  • I Hear You Rockin' (1994)
  • Pure Blues (1995)
  • Nineteen Ninety Four (1993)
  • Live In Vienna (1999)
  • Alvin Lee In Tennessee (2004)
  • Saguitar (2007)
  • Still On The Road To Freedom (2012)

Come Alvin Lee Ten Years Later[modifica | modifica wikitesto]

  • Rocket Fuel (1978)
  • Ride On (1979)
  • Solid Rock (1997)

Come Alvin Lee Band[modifica | modifica wikitesto]

  • F.R.E.E.F.A.L.L (1980)

Ten Years After[modifica | modifica wikitesto]

Alvin Lee & Mylon LeFevre[modifica | modifica wikitesto]

  • On The Road To Freedom (1973)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chitarre » Alvin Lee: I’m Going Home! E se n’è andato
  2. ^ Piero Negri, Addio Alvin Lee, il chitarrista che infiammò Woodstock, lastampa.it. URL consultato il 6 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32183762 · LCCN: (ENnb2009022013 · ISNI: (EN0000 0000 7973 025X · GND: (DE134441567 · BNF: (FRcb138964669 (data)