Alessandro Pratesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Pratesi (Sulmona, 31 marzo 1922Roma, 29 gennaio 2012) è stato un latinista, paleografo e storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Letteratura latina all'Università di Roma, fu professore di Paleografia e diplomatica all'Università di Bari.

Dal 1966, e fino al pensionamento, fu docente delle stesse materie all'università di Roma, dove fu preside della Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dal 1970 al 1974.

Negli anni dal 1982 al 2003 è stato anche docente alla Scuola vaticana di paleografia, diplomatica e archivistica.

Tra le affiliazioni, vi è quella al Centro italiano di studi sull'alto medioevo di Spoleto e la presidenza del Centro studi internazionali Giuseppe Ermini di Ferentino.

Fu anche socio dell'Istituto di Studi romani e membro della Commissione internazionale di paleografia.

È stato collaboratore del Dizionario Biografico degli Italiani, edito dall'Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, e dell'Enciclopedia Cattolica.

È morto nel 2012, all'età di 89 anni[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Carte latine di abbazie calabresi provenienti dall'archivio Aldobrandini, Biblioteca Apostolica Vaticana (coll. Studi e Testi, 197), Città del Vaticano, 1958
  • Genesi e forme del documento medievale, (coll. Guide, 3) Roma, Jouvence 1979 (2ª ed. 1999 ISBN 978-88-78012-60-8)
  • Frustula palaeographica, Leo S. Olschki, 1992 ISBN 9788822239297
  • Tra carte e notai. Saggi di diplomatica dal 1951 al 1991, (Miscellanea della Società Romana di Storia Patria, XXXV), Roma, 1992
  • (con Paolo Cherubini), Paleografia latina : l'avventura grafica del mondo occidentale, (Littera antiqua 16), Città del Vaticano: Scuola vaticana di paleografia, diplomatica e archivistica, 2010 ISBN 978-88-85054-20-2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio Alessandro Pratesi, lo studioso di documenti papali], su attualita.ilbloggatore.com, 31 gennaio 2012. (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2548509 · ISNI (EN0000 0001 0862 9661 · SBN IT\ICCU\CFIV\067429 · LCCN (ENn79084136 · GND (DE1115212494 · BNF (FRcb123598200 (data)