Aleksandăr Šalamanov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksandăr Šalamanov
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, slalom gigante, slalom speciale
Ritirato 1960
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1974
Carriera
Squadre di club1
1960-1961CSKA Sofia2 (0)
1961-1974Slavia Sofia263 (10)
Nazionale
1963-1973 Bulgaria Bulgaria 42 (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ritirato 1964
 

Aleksandăr Stefanov Šalamanov (cirillico: Александър Стефанов Шаламанов, traslitterato anche come Aleksandar Shalamanov; Pleven, 4 settembre 1941) è un ex sciatore alpino, calciatore e pallavolista bulgaro.

È padre di Stefan, a sua volta sciatore alpino di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Brăšljanica di Pleven, in carriera prese parte a un'edizione dei Giochi olimpici invernali, Squaw Valley 1960, dove si classificò 47º nella discesa libera, 37º nello slalom gigante e fu squalificato nello slalom speciale[1].

Carriera calcistica[modifica | modifica wikitesto]

Sportivo versatile, Šalamanov giocò anche a calcio ai massimi livelli[1], militando nel CSKA Sofia (1960-1961) e nello Slavia Sofia (1961-1974)[senza fonte], e fu eletto calciatore bulgaro dell'anno nel 1963 e nel 1966[2].

Rappresentò la sua Nazionale, con la quale totalizzò complessivamente 42 presenze, ai Mondiali del 1966 e del 1970[1].

Carriera pallavolistica[modifica | modifica wikitesto]

Fu convocato per la Nazionale di pallavolo ai Giochi della XVIII Olimpiade di Tokyo 1964, anche se non ebbe mai occasione di scendere in campo[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Profilo sports-reference.com, su sports-reference.com. URL consultato il 1º luglio 2014.
  2. ^ Calciatore dell'anno - Bulgaria, in calcio.com. URL consultato il 1º luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]