Achilleide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Achilleide
Titolo originale Achilleïs
Autore Papinio Stazio
1ª ed. originale 96 d.C. circa
Genere poema
Lingua originale latino

L'Achilleide (Achilleïs) è un poema epico incompiuto dello scrittore Papinio Stazio, abbozzato verso l'anno 96, poco prima che il poeta morisse improvvisamente. L'opera, di cui rimane l'intero primo libro e l'inizio del secondo, tratta delle vicende dell'eroe greco Achille dalla sua adolescenza ed educazione fino alla sua morte nella guerra di Troia.

Libro I[modifica | modifica wikitesto]

Il primo libro narra le fasi prima della guerra di Troia, appena annunciata dagli Dei alla semidea Tetide, che viene a sapere del rapimento di Elena da parte di Paride, e prega Giove affinché la nave da Sparta faccia naufragio. Inutilmente, così si reca dal centauro Chirone, che ha ancora in custodia il giovanissimo Achille per la sua educazione militare, e lo porta dal re di Sciro, per confonderlo con le fanciulle sue figlie. Infatti Achille viene descritto come bellissimo e dal corpo così delicato da sembrare quello di una ragazza, per non parlare della lunga chioma dorata.

Nel frattempo scoppia la guerra e tutti gli eroi che prestarono giuramento alla corte di Menelao riguardo l'intoccabilità di Elena, sono costretti a rispettare il patto. Così Ulisse e Diomede vengono a sapere del nascondiglio di Achille e lo ingannano, durante un banchetto, servendo un grande vassoio d'argento con delle pietanze, ma anche con delle armi nascoste sotto. I due sanno benissimo che Achille è legato fortemente alla guerra, essendo stato destinato a morire in battaglia, e così l'eroe non resiste e imbraccia una spada. Dunque il libro termina con Ulisse e Diomede che conducono via Achille per andare in guerra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gian Biagio Conte & Emilio Pianezzola, Storia e testi della letteratura latina, vol. 3, Le Monnier, 1995.
  • Gian Biagio Conte, Nevio, in Letteratura latina - Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, 13ª ed., Le Monnier, 2009 [1987], ISBN 88-00-42156-3.
  • Concetto Marchesi, Storia della letteratura latina, 8ª ed., Milano, Principato, ottobre 1986 [1927].
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Firenze, Sansoni, 1979.
  • Luciano Perelli, Storia della letteratura latina, Paravia, 1969, ISBN 88-395-0255-6.
  • Giancarlo Pontiggia, Maria Cristina Grandi, Letteratura latina. Storia e testi, Milano, Principato, marzo 1996, ISBN 978-88-416-2188-2.
  • Benedetto Riposati, Storia della letteratura latina, Milano-Roma-Napoli-Città di Castello, Società Editrice Dante Alighieri, 1965.ISBN non esistente