Biblioteca Vallicelliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca Vallicelliana
Oratorio dei Filippini Rome.jpg
L'Oratorio dei Filippini, sede della Biblioteca Vallicelliana
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Città Roma-Stemma.png Roma
Indirizzo Piazza della Chiesa Nuova, 18
Tipo Biblioteca pubblica statale
ISIL IT-RM0281
Numero opere 130.000 volumi, 3.000 manoscritti, incunaboli, incisioni, fotografie
Stile Barocco
Architetto Francesco Borromini
Costruzione 1637-1667
Sito

Coordinate: 41°53′53.16″N 12°28′10.2″E / 41.8981°N 12.4695°E41.8981; 12.4695

La Biblioteca Vallicelliana è una biblioteca pubblica che ha sede in Roma in piazza della Chiesa Nuova nel rione Parione, a fianco della chiesa di Santa Maria in Vallicella, al secondo piano dell'Oratorio dei Filippini. L'edificio, opera seicentesca dell'architetto Francesco Borromini, fu edificato, su commissione della Congregazione dell'Oratorio di san Filippo Neri, negli anni 1637-1667.

La prima traccia documentale della biblioteca risale al 1581 anno in cui Achille Stazio, tramite lascito testamentario a favore di Filippo Neri e della Congregazione dell’Oratorio lasciò un patrimonio di 1700 volumi a stampa e circa 300 manoscritti[1].

Il materiale conservato, il cui primo nucleo risale alle opere possedute da Neri, è costituito principalmente da volumi sulla storia della Chiesa nel XVI secolo, nel periodo della Riforma e Controriforma. La biblioteca gestisce, inoltre, il patrimonio bibliografico della Società romana di storia patria.

Patrimonio[modifica | modifica wikitesto]

La collezione della Vallicelliana è costituita da circa 130.000 volumi, di cui 3.000 manoscritti e alcuni incunaboli. Sono presenti, inoltre, raccolte di incisioni e di antiche fotografie.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Vallicelliana - Storia, vallicelliana.it. URL consultato il 21 marzo 2017.
  2. ^ Fonte: sito "Internet culturale". Riferimenti in Collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Pinto, La biblioteca Vallicelliana in Roma, Roma, Società Romana di Storia Patria, 1932.
  • Anna Maria Giorgetti Vichi e Sergio Mottironi (compilato da), Catalogo dei manoscritti della Biblioteca Vallicelliana, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato - Libreria dello Stato, 1961.
  • Alberto Manodori Sagredo (a cura di), Da Oriente e da Occidente: genti e luoghi nelle antiche fotografie della Biblioteca Vallicelliana, Roma, Retablo, 2000.
  • Barbara Tellini Santoni (a cura di), Biblioteca Vallicelliana : guida breve, Roma, Retablo, 2001.
  • Alberto Manodori Sagredo (a cura di), Venezia nelle fotografie di Carlo Naya della Biblioteca Vallicelliana, Roma, Biblioteca Vallicelliana, 2008.
  • Giuseppe Finocchiaro (a cura di), I libri di Cesare Baronio in Vallicelliana, Roma, Biblioteca Vallicelliana, 2008.
  • Giuseppe Finocchiaro, Vallicelliana segreta e pubblica : Fabiano Giustiniani e l'origine di una biblioteca universale, Firenze, Leo S. Olschki, 2011.
  • Amedeo Benedetti, La Biblioteca Vallicelliana, in "Biblioteche Oggi", vol. XXXII, 2014, n. 5, pp. 47–52.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma