200P/Larsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cometa
200P/Larsen
Stella madreSole
Scoperta3 novembre 1997
ScopritoreJeffrey A. Larsen
Designazioni
alternative
1997 V1; 2008 L1;
Parametri orbitali
(all'epoca 2462720,5
7 agosto 2030[1])
Semiasse maggiore4,9678544 au
Perielio3,3236861 au
Afelio6,612 au
Periodo orbitale11,07 anni
Inclinazione orbitale12,08520°
Eccentricità0,3309614
Longitudine del
nodo ascendente
234,72898°
Argom. del perielio134,14395°
Par. Tisserand (TJ)2,851[2] (calcolato)
Ultimo perielio28 luglio 2019
Prossimo perielio5 agosto 2030
MOID da Giove0,0955149 au
Dati osservativi
Magnitudine app.15,5[3] (max)
Magnitudine ass.10,2[2]

200P/Larsen, indicata anche come cometa Larsen 1, è una cometa periodica del Sistema solare, appartenente alla famiglia delle comete gioviane.[2] È stata scoperta dall'astronomo Jeff Larsen il 3 novembre 1997 dall'Osservatorio di Kitt Peak, in Arizona.[4]

La cometa percorre un'orbita moderatamente eccentrica, inclinata di circa 12° rispetto al piano dell'eclittica. L'afelio, esterno all'orbita di Giove, è a 6,56 UA dal Sole; il perielio, compreso tra le orbite di Giove e di Marte, è a 3,30 UA dal Sole. La cometa completa un'orbita in circa 11 anni.[2] I primi a calcolare l'orbita percorsa dalla cometa sono stati Patrick Rocher e Kenji Muraoka.[5]

Durante l'apparizione del 1997-1998, la cometa ha raggiunto una magnitudine massima pari alla 15,5ª. Il 9 giugno 2008 è stata recuperata da James Scotti come un oggetto della 20ª magnitudine ed in seguito ha raggiunto la 17ª.[3]

Le nuove osservazioni ottenute nel corso del 2008 hanno permesso di migliorare la conoscenza dell'orbita percorsa dalla cometa. Kazuo Kinoshita ha così scoperto che la Cometa Larsen 1 è stata spostata sull'orbita attuale in seguito ad un incontro ravvicinato con Giove avvenuto nel febbraio del 1995 (la minima distanza raggiunta è stata di 0,3499 UA[6]).[5]

Nel corso del XXII secolo la cometa sarà interessata da nuovi incontri con Giove, sebbene i valori previsti per la minima distanza sono molto superiori rispetto a quanto avvenuto nel 1995. Il massimo avvicinamento avverrà il 25 luglio 2160, quando Giove e la cometa disteranno 0,817 UA.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I dati di 200P dal sito MPC.
  2. ^ a b c d e I dati di 200P dal sito JPL.
  3. ^ a b I dati di 200P dal sito di Seiichi Yoshida.
  4. ^ (EN) IAUC 6767, Unione Astronomica Internazionale, 3 novembre 1997. URL consultato il 22 novembre 2009.
  5. ^ a b (EN) Gary W. Kronk, 200P/Larsen, su Cometography. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2010).
  6. ^ I dati di 200P dal sito di Kazuo Kinoshita.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
La cometa di Halley

Precedente: 199P/Shoemaker      Successiva: 201P/LONEOS


Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-Hilda
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa perduta (Shoemaker-Levy 9) • Cometa interstellare
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare