1866 Sisyphus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sisyphus
(1866 Sisyphus)
Stella madreSole
Scoperta5 dicembre 1972
ScopritorePaul Wild
ClassificazioneNEA,
asteroide Apollo,
geosecante,
areosecante
Classe spettraleS
Designazioni
alternative
1972 XA
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2458600,5
27 aprile 2019)
Semiasse maggiore283338151 km
1,8939716 au
Perielio130884098 km
0,8748937 au
Afelio435792205 km
2,9130495 au
Periodo orbitale952,05 giorni
(2,61 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
41,20143°
Eccentricità0,5380640
Longitudine del
nodo ascendente
63,49508°
Argom. del perielio293,05988°
Anomalia media312,91487°
Par. Tisserand (TJ)3,513 (calcolato)
Ultimo perielio17 gennaio 2017
Prossimo perielio27 agosto 2019
MOID da Terra0,104496 au
Satelliti1?
Dati fisici
Diametro medio8,44 km[1]
Periodo di rotazione2,39 ore[1]
Albedo0,15
Dati osservativi
Magnitudine ass.12,4

1866 Sisyphus è un asteroide near-Earth del diametro medio di circa 8,5 km. Scoperto nel 1972, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 1,8939716 au e da un'eccentricità di 0,5380640, inclinata di 41,20143° rispetto all'eclittica.

L'asteroide è dedicato a Sisifo, personaggio della mitologia greca.[2]

Nel 1985 e nel 2011 ne è stata ipotizzata la probabile natura binaria,[3][4] senza tuttavia assegnare un nome pur provvisorio al satellite.[1] Le due componenti del sistema, distanti tra loro 19 km, avrebbero dimensioni di circa 8,44 km e 840 m.[1] Il satellite orbiterebbe attorno al corpo principale in 1,19 giorni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) (1866) Sisyphus, su johnstonsarchive.net. URL consultato il 13 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Lutz D. Schmadel, Dictionary of minor planet names, New York, Springer Verlag, 2012, p. 144, ISBN 3-540-00238-3. URL consultato il 13 aprile 2020.
  3. ^ (EN) McFadden, L. A.;A'Hearn, M. F., Planet-crossing asteroids: Interrelationships within the solar system, in Washington Reports of Planetary Astronomy, 1985, NASA, settembre 1986, pp. 106-107, Bibcode:1986plas.rept..106M. URL consultato il 13 aprile 2020.
  4. ^ (EN) Stephens, Robert D.;French, Linda, M.;Warner, Brian D.;Wasserman, Lawrence H., The Curse of Sisyphus, in Minor Planet Bulletin, vol. 38, n. 4, ottobre 2011, pp. 212-213, Bibcode:2011MPBu...38..212S. URL consultato il 13 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 4 Vesta

Precedente: 1865 Cerberus      Successivo: 1867 Deiphobus


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare