15P/Finlay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cometa
15P/Finlay
Scoperta26 settembre 1886
ScopritoreWilliam H. Finlay
Designazioni
alternative
1886 S1;
1886 VII;
1893 K1; 1893 III;
1906 V; 1919 II;
1926 V; 1953 VII, 1960 VIII;
1967 IX, 1974 X;
1981 XII, 1988 IX
Parametri orbitali
(all'epoca 2457003,5
12 dicembre 2014[1])
Semiasse maggiore3,488 UA
Perielio0,976 UA
Afelio5,999 UA
Periodo orbitale6,51 anni
Inclinazione orbitale6,799°
Eccentricità0,720
Longitudine del
nodo ascendente
13,788°
Argom. del perielio347,553°
Par. Tisserand (TJ)2,620 (calcolato)
Ultimo perielio27 dicembre 2014
Prossimo perielio13 luglio 2021[2]
MOID da Terra0,00943284 UA
Dati fisici
Dimensioni1,8 km
Dati osservativi
Magnitudine app.(magnitudine) (max)
Magnitudine ass.12,6 (totale)
16,0 (del nucleo)

La Cometa Finlay, formalmente 15P/Finlay, è una cometa periodica del Sistema solare, appartenente alla famiglia cometaria di Giove[3], scoperta da William Henry Finlay dall'Osservatorio del Capo il 26 settembre 1886.

La prima orbita parabolica fu calcolata nel 1886 e furono trovate alcune similarità con quella della cometa allora perduta C/1844 Q1 (de Vico) del 1844. Lewis Boss del Dudley Observatory di Schenectady raffinò l'orbita tenendo conto delle perturbazioni planetarie, giungendo alla conclusione che le due comete non potessero essere lo stesso oggetto.

Il ritorno del 1899 non fu osservato, mentre quello del 1906 fu particolarmente fortunato. La cometa transitò a 0,27 UA dalla Terra raggiungendo la sesta magnitudine. Nel 1910 un incontro ravvicinato con Giove (0,45 UA) alterò l'orbita, incrementando leggermente il periodo orbitale. Ciò determinò che nel 1919 la cometa si presentò in anticipo rispetto alle previsione e fu classificata come una "nuova" cometa, scoperta da T. Sasaki dell'Osservatorio di Kyoto il 25 ottobre.

La magnitudine della cometa è diminuita dopo il 1926 ed è solo dal 1953 che la cometa è stata osservata ad ogni suo ritorno.

Nel 1993 e nel 2004 sono avvenuti incontri ravvicinati tra la cometa e Giove che hanno ridotto la distanza dal Sole raggiunta al perielio. Sono attese quindi apparizioni che mediamente mostreranno un incremento nella magnitudine raggiunta dalla cometa.

Attività meteorica correlata[modifica | modifica wikitesto]

Si è ipotizzato che il meteorite di Murchison possa essere correlato con la cometa Finlay[4].

È stato previsto che gli incontri tra la Terra e la cometa possano originare sciami meteorici nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2050, negli anni corrispondenti al passaggio al perielio della cometa[5].

A seguito di due outburst accaduti tra la fine 2014 e l'inizio del 2015 alcuni ricercatori hanno formulato la previsione di una possibile pioggia meteorica il 6-7 ottobre 2021 con radiante nella costellazione australe dell'Ara, con uno ZHR di 5–50 e velocità delle meteore di 10,7 km/s [6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I dati di 15P dal sito JPL
  2. ^ (EN) Nakano Note (Nakano wa Kangaeru noda) NK 2742 15P/Finlay
  3. ^ (EN) List of Jupiter-Family and Halley-Family Comets, su physics.ucf.edu. URL consultato il 7 settembre 2008.
  4. ^ D. A. J. Seargent Is the Murchison meteorite a fragment of periodic comet Finlay?. WGN, Vol. 16, Nr. 4, p. 111 - 117, 1988
  5. ^ (EN) Finlayids 1901-2100, su feraj.narod.ru. URL consultato il 4 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2009).
  6. ^ (EN) Bangs and Meteors from the Quiet Comet 15P/Finlay

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare