Étienne Roda-Gil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«E da Parigi venne Etienne... Roda-Gil, guascone, grande e grosso, sempre esagerato... purtroppo non c'è più... e mi manca»

(Angelo Branduardi)

Etienne Roda-Gil (Septfonds, 1º agosto 1941Parigi, 31 maggio 2004) è stato un poeta e autore di canzoni francese. Sua moglie Nadine Delahaye pure era un'artista famosa, prematuramente scomparsa nel 1990.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un rifugiato spagnolo, dopo gli studi universitari incontra il cantante Julien Clerc, nel 1968, con il quale inizia una fruttuosa collaborazione che terminerà soltanto nel 1980.

Nel 1979, collabora con Gérard Lenorman nell'album Boulevard de l'océan. Johnny Hallyday, Claude François, Juliette Gréco, Barbara e Louis Bertignac sono gli altri artisti che hanno interpretato sue canzoni.

Negli anni '80 traduce in francese molti degli album di Angelo Branduardi, conferendo spesso una nuova veste lirica e poetica alle parole di Luisa Zappa, moglie e coautrice di Branduardi.

Nel 1983 collabora con il cantautore Riccardo Cocciante alla stesura dei testi del suo album Sincerità.

Roda-Gil pubblica, nel 1985, un libro: La Porte marine, pubblicato da Éditions du Seuil e l'adattamento de L'idiota di Fëdor Dostoevskij per il regista Andrzej Żuławski nel film L'amour braque.

Conobbe Roger Waters dei Pink Floyd nel 1987, che compose la musica per il libretto Ça ira, della moglie Nadine. Pur ottenendo l'onorificenza dall'allora Presidente francese François Mitterrand, l'opera ha visto la luce soltanto nel 2005, dopo la sua morte. Nel 1989 riceve il premio SACEM (La Société des auteurs, compositeurs et éditeurs de musique).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su roda-gil.fr. URL consultato l'8 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  • Roda-Gil e Branduardi, su guide.supereva.com. URL consultato il 12 giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2008).
Controllo di autoritàVIAF (EN7396441 · ISNI (EN0000 0001 0866 5136 · Europeana agent/base/56266 · LCCN (ENn95089534 · GND (DE130586358 · BNF (FRcb11922337x (data) · BNE (ESXX1134675 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n95089534