Yersinia pseudotuberculosis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Yersinia pseudotuberculosis
Immagine di Yersinia pseudotuberculosis mancante
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Phylum Proteobacteria
Classe Gammaproteobacteria
Ordine Enterobacteriales
Famiglia Enterobacteriaceae
Genere Yersinia
Specie Y. pseudotuberculosis
Nomenclatura binomiale
Yersinia pseudotuberculosis
(Pfeiffer, 1889) Smith & Thal, 1965

Yersinia pseudotuberculosis (Pfeiffer, 1889) Smith & Thal, 1965 è un batterio appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, noto anche come bacillo di Malassez e Vignal. È un bacillo gram-negativo, anaerobio facoltativo, ossidasi-negativo, dotato di flagelli e mobile a 25 °C. La sierotipizzazione si basa sulle differenze di struttura dell'antigene somatico O; si conoscono 6 sierotipi, il più diffuso dei quali è il sierotipo 1.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

È una specie ubiquitaria, ma con una maggiore diffusione nelle zone rurali e con basse condizioni igieniche. L'infezione provocata da Y. pseudotuberculosis è una zoonosi e l'uomo è un ospite accidentale; il serbatoio naturale sono roditori, animali selvatici e cacciagione. L'uomo, per il quale questo batterio è comunque una causa relativamente poco comune di malattia, si può infettare per contatto diretto con l'animale o ingerendo alimenti contaminati.

Patologia[modifica | modifica sorgente]

È una specie principalmente enterica e raramente viene isolata dal sangue. Y. pseudotuberculosis penetra nella mucosa intestinale al livello dell'ileo e si localizza nei linfonodi ileocecali. Provoca un'adenite mesenterica simile a quella che si verifica negli animali, che può raramente evolvere in sepsi in soggetti defedati. La patologia simula, nell'uomo, un'appendicite acuta (pseudoappendicite).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P.R. Murray, Microbiologia Medica. Seconda ed.
  • G. Antonelli, Principi di Microbiologia Medica. Seconda ed.