XBIZ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XBIZ
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione
Settore Editoriale
Sito web xbiz.com

XBIZ [1] è una società editrice americana che si occupa d'informazione economico industriale del settore dell'intrattenimento per adulti [2].

Oltre al suo sito bandiera Xbiz.com, XBIZ pubblica due mensili, organizza ed ospita fiere e conferenze settoriali e facilita l'incontro fra i professionisti e le aziende del settore attraverso un servizio di commercio interaziendale e di reti di professionisti.

XBIZ e le sue pubblicazioni e servizi sono gestite dalla Adnet Media fondata nel 1998 dal veterano del porno on line Alec Helmy (fondatore anche della ASACP, un ente no profit per la protezione dei minori dall'industria del sesso on line) [3]

Informazioni e prodotti editoriali[modifica | modifica sorgente]

  • XBIZ.com è il portale professionale di notizie e risorse per l'industria del sesso.
  • XBIZ Newswire è l'agenzia di stampa e servizio RSS.
  • XBIZ World Magazine rivista che si occupa dell'industri per adulti on line.
  • XBIZ Premiere Magazine rivista dedicata al grande pubblico dedicata alle novità video, giocattoli sessuali.
  • XBIZ Digital Edition versione digitale di XBIZ World Magazine.
  • XBIZ LA Conference seminario annuale e fiera commerciale dell'intrattenimento per adulti tenuta a Los Angeles.
  • XBIZ Forum una tre giorni dedicata all'incontro fra professionisti del settore. Si tiene in estate all'Hard Rock Hotel di Las Vegas.
  • XBIZ Award manifestazione in cui si premiano i protagonisti del settore.
  • XBIZ Research un programma di ricerca sul settore dell'intrattenimento per adulti.
  • XBIZ.net un motore B2B per connettere i professionisti e le società del settore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome è un dato dall'unione della lettera X che indica tutto ciò che ha a che fare con l'industria del sesso e la parola Biz che in slang americano indica il business. Il nome suona quindi come "affari (dell'industria) per adulti".
  2. ^ Vedi (EN) articolo su breitbart.com
  3. ^ Vedi (EN) sezione chi siamo di asacp.org

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]