WISE 1049-5319

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
WISE 1049-5319
WISE 1049-5319 è al centro nell'immagine più grande, ripresa da WISE. Apparentemente pareva essere un oggetto singolo, ma un'immagine più nitida del Telescopio Gemini in Cile (nel riquadro), ha evidenziato la sua natura binaria.WISE 1049-5319 è al centro nell'immagine più grande, ripresa da WISE. Apparentemente pareva essere un oggetto singolo, ma un'immagine più nitida del Telescopio Gemini in Cile (nel riquadro), ha evidenziato la sua natura binaria.
Classificazione Nana bruna binaria
Classe spettrale L8 ± 1 / L/T
Distanza dal Sole 6,6 ± 0,5 anni luce
Costellazione Vele
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 10h 49m 15,57s
Declinazione -53° 19′ 06″
Dati osservativi
Magnitudine app. +8,87 (Banda K)
Parallasse 496 ± 37 mas
Moto proprio AR: −2759 mas/anno
Dec: 354 mas/anno

WISE 1049-5319 (nome completo: WISE J104915.57-531906) è un sistema binario composto da due nane brune, nella costellazione della Vela. Distante 6,5 anni luce, al momento della scoperta, avvenuta nel 2013, si tratta delle più vicine nane brune conosciute, nonché del terzo sistema in assoluto più vicino al sistema solare, dopo Alfa Centauri e la Stella di Barnard.[1][2]

La scoperta, avvenuta tramite osservazioni con il satellite Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE), è stata annunciata da Kevin Luhman et al., che hanno osservato il sistema durante un periodo di 13 mesi, notando l'alto moto proprio dell'oggetto, sintomo di vicinanza alla Terra. Misurando la parallasse, pari a 0,496 ± 0,037 arcosecondi, Luhman e colleghi hanno calcolato una distanza di appena 6,5 anni luce dal sistema solare. La primaria è di classe L8 ± 1, mentre la secondaria è probabilmente nella fase di transizione dalla classe L alla classe T. La distanza tra le due componenti è di circa 3 UA e il periodo orbitale di 25 anni[3].

La scoperta della compagna è stata annunciata dallo stesso Luhman, tramite osservazioni con il Telescopio Gemini Sud, in Cile, il quale ha catturato le immagini delle componenti, separate tra loro di 1,5 secondi d'arco, e con una differenza di luminosità, tra primaria e secondaria, di 0,45 magnitudini[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Barbara K. Kennedy, The Closest Star System Found in a Century, PennState, 11 marzo 2013. URL consultato l'11 marzo 2013.
  2. ^ Phil Plait, Howdy, Neighbor! New Twin Stars Are Third Closest to the Sun, Bad Astronomy blog, 11 marzo 2013. URL consultato l'11 marzo 2013.
  3. ^ a b K. L. Luhman, Discovery of a Binary Brown Dwarf at 2 parsecs from the Sun in Draft version, 8 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni