Vittorina Vivenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorina Vivenza
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità, lancio del disco
Record
100 m 13"8
Carriera
Nazionale
1928-1930 Italia Italia
Palmarès
Giochi mondiali femminili 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 16 ottobre 2011

Vittorina Vivenza (Villalba, 6 giugno 1912Aosta, 3 aprile 2007) è stata un'atleta italiana, finalista ai Giochi olimpici di Amsterdam 1928 con la staffetta 4×100 italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Villalba in provincia di Caltanissetta, ma aostana a tutti gli effetti (nacque infatti nella cittadina siciliana perché il padre si trovava lì per lavoro in quel periodo), fece ritorno ad Aosta già all'età di due anni.

Medaglia di bronzo nel lancio del disco ai Giochi mondiali femminili di Praga 1930 con la misura di 35,23 m.[1]

I Giochi mondiali femminili erano una manifestazione internazionale femminile organizzata da Alice Milliat in risposta alla perdurante esclusione delle donne dai Giochi olimpici e che ebbe la sua prima edizione con i Giochi olimpici femminili a Parigi nel 1926. Una volta finalmente ammesse le donne ai Giochi, ad Amsterdam 1928, si trasformò appunto in Giochi mondiali femminili a partire dal 1930.

La Vivenza era atleta versatile, in grado di primeggiare sia nelle gare di velocità che nel lancio del disco; tentò di cimentarsi anche nel salto in alto da fermo, disciplina che all'epoca faceva parte del programma olimpico e che ha avuto tra i suoi massimi esponenti il saltatore statunitense Ray Ewry detto la rana.

La Vivenza è morta ad Aosta il 3 aprile 2007 all'età di 94 anni.[2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1928 Giochi olimpici Paesi Bassi Amsterdam 4×100 metri 53"6
1930 Giochi mondiali femminili Cecoslovacchia Praga Lancio del disco Bronzo Bronzo 35,23 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Colombo, Vittorina, il nome dell' atletica rosa, Corriere.it, 16 maggio 2002. URL consultato il 19 settembre 2009.
  2. ^ Notizie di sport, Corriere.it, 4 aprile 2007. URL consultato il 19 settembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]