Ulrich Beck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ulrich Beck (Stolp, 15 maggio 19441º gennaio 2015) è stato un sociologo e scrittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato docente di Sociologia presso la Ludwig-Maximilians-Universität München di Monaco di Baviera e la London School of economics.

Dal 1966 fu studente di sociologia, filosofia, psicologia e teoria politica presso l'università di Monaco. Vi conseguì, nel 1972, il dottorato in filosofia, scelse però di lavorare come sociologo. Dal 1979 fu abilitato all'insegnamento, che svolse fino al 1981 presso l'università di Münster, per poi trasferirsi a Bamberga fino al 1992.

Dal 1992 si trasferì alla Ludwig Maximilian Universität di Monaco, come direttore del dipartimento di sociologia.

Dal 1995 al 1997 fu membro della Kommission für Zukunftsfragen der Freistaaten Bayern und Sachsen, Commissione per le questioni del futuro.

È stato membro del Gruppo Spinelli per il rilancio dell'integrazione europea.

Ulrich Beck pubblicò diversi studi sulla modernità, problemi ecologici, individualizzazione e globalizzazione, e introdusse nuovi concetti nella sociologia, quali l'idea di una seconda modernità e la teoria del rischio.

È morto per infarto nel giorno di Capodanno del 2015 all'età di 70 anni.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Beck diresse la pubblicazione di Sociologia Soziale Welt dal 1980, firmò più di 150 articoli, e scrisse diversi libri, quali:

  • Il normale caos dell'amore, con Elisabeth Gershneim, ed. italiana: 1996
  • Modernizzazione riflessiva. Politica, tradizione ed estetica nell'ordine sociale della modernità, in collaborazione con Anthony Giddens e Lash Scott, ed. italiana: Asterios Editore, Trieste 1999
  • Che cos'è la globalizzazione. Rischi e prospettive della società planetaria, ed. italiana: Carocci. Roma, 1999
  • La società del rischio. Verso una seconda modernità ed. italiana: 2000
  • Il lavoro nell'epoca della fine del lavoro. Tramonto delle sicurezze e nuovo impegno civile, traduzione di Hellmut Riediger, titolo originale:Schöne neue Arbeitswelt.Vision: Weltbürgergesellschaft, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2000, ISBN 978-88-06-15607-7.
  • Europa felix. Il vecchio continente e il nuovo mercato del lavoro, ed.italiana: 2000
  • Il manifesto cosmopolitico, ed. italiana: Asterios Editore, Trieste 2000
  • I rischi della libertà. L'individuo nell'epoca della globalizzazione, ed. italiana: 2000
  • Libertà o capitalismo? Varcare la soglia della modernità, ed. italiana: 2001
  • L'era dell'e, ed. italiana: Asterios Editore, Trieste 2001
  • La società globale del rischio, ed. italiana: Asterios Editore, Trieste 2001
  • La società cosmopolita. Prospettive dell'epoca postnazionale, ed. italiana: 2003
  • Un mondo a rischio, ed. italiana: 2003
  • Sull'orlo di una crisi. Vivere nel capitalismo globale, in collaborazione con Manuel Castells e Richard Sennett, ed. italiana: Asterios Editore, Trieste 2004
  • Lo Sguardo cosmopolita, ed. italiana: 2005
  • L'Europa cosmopolita, ed. italiana: 2006
  • Potere e contro potere, nell'età globale ed. Italiana: Laterza. 2010.
  • Europa tedesca. La nuova geografia del potere, trad. it. di M. Sampaolo, Laterza (2013). ISBN 9788858107362

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 4997022 · LCCN: n80128974 · GND: 118832344 · BNF: cb123044737 (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
  1. ^ È morto Ulrich Beck, teorico della "società del rischio".