Theta Persei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theta Persei A / B
Classificazione Nana bianco-gialla
Classe spettrale F7V / M1,5V
Distanza dal Sole 36,6 a.l.
Costellazione Perseo
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 2h 44m 11,99s
Declinazione +49° 13′ 42,4″
Dati fisici
Raggio medio 1,3 / ? R
Massa
1,2 / 0,43[1] M
Temperatura
superficiale
6 350 K (media)
Luminosità
2,44 / 0,06 L
Età stimata 1,15 × 109 anni
Dati osservativi
Magnitudine app. +4,12 / +10,06
Magnitudine ass. +3,85 / +9,56
Parallasse 89,03 arcsec
Velocità radiale 25 km/s
Nomenclature alternative
*GJ 107,
  • HR 799,
  • BD+47°746,
  • HD 16895,
  • LTT 10894,
  • SAO 38288,
  • HIP 12777, GC 3277,
  • ADS 2081, CCDM J02441+4913

Theta Persei è una stella di classe spettrale F7-V, distante 36,6 anni luce dal Sistema solare, con una magnitudine apparente +4,12.

Fa parte di un sistema binario situato nella costellazione Perseo. La componente principale del sistema, Theta Persei A (GJ 107 A), è una nana gialla di tipo spettrale F7V con una temperatura effettiva di circa 6 350 K,[2] circa 520 K superiore a quella del Sole. Brilla con una luminosità di circa 2,44 volte maggiore quella del Sole e la sua massa è di un 25% superiore. La sua metallicità, ovvero l'abbondanza relativa di elementi più pesanti dell'idrogeno, è comparabile a quella del Sole. Di conseguenza le quantità relative di altri elementi come il sodio, magnesio, alluminio, silicio sono molto simili a quelle del Sole.

Theta Persei B (GJ 107 B) è una nana rossa di tipo spettrale M1,5V la cui massa stimata è stimata tra il 43% e il 51% della massa solare.[1] Visivamente a 20,5 arcosecondi dalla sua compagna, la separazione effettiva tra le due stelle è circa 250 UA cioè circa 8 volte la distanza tra Nettuno e il Sole, essendo il periodo orbitale di 2720 anni. L'orbita del sistema è leggermente eccentrica (e=0,13).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bonavita, M.; Desideria, S., The frequency of planets in multiple systems in Astronomy & Astrophysics, vol. 468, nº 2, 2007, pp. 721-729.
  2. ^ Ramírez, I.; Allende Prieto, C.; Lambert, D. L. (2007). «Oxygen abundances in nearby stars. Clues to the formation and evolution of the Galactic disk». Astronomy and Astrophysics 456 (1). Pagine 271-289

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni