Tentorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tentorio del cervelletto)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri segnificati, vedi Tentorio (disambigua).
Tentorio del cervelletto
Gray766.png
Il tentorio del cervelletto visto dall'alto all'interno della scatola cranica
Anatomia del Gray subject #193 874
Nome latino Tentorium cerebelli

Il tentorio del cervelletto, in latino tentorium cerebelli, è una struttura anatomica costituita da un lembo di dura madre che separa il cervelletto dai lobi occipitali del cervello.

Il nome deriva dalla sua somiglianza con una tenda militare.

Anatomia macroscopica[modifica | modifica sorgente]

Il tentorio presenta due facce, una superiore e l'altra inferiore, un margine aderente e un margine libero. È formato infatti da due spioventi che si incontrano sul piano sagittale mediano con un angolo smusso su cui prende inserzione lo sdoppiamento della base di un'altra piega della dura madre, la grande falce cerebrale. Tra l'angolo smusso e i due lembi derivati dallo sdoppiamento della base della grande falce cerebrale decorre, dall'avanti all'indietro, un importante seno venoso, il seno retto. I due spioventi offrono a considerare una faccia superiore che guarda verso il rispettivo lobo occipitale e una faccia inferiore che guarda verso il rispettivo emisfero cerebellare.

Il margine aderente prende inserzione in corrispondenza dei processi clinoidei posteriori, due protuberanze che si trovano al lato del margine superiore della lamina quadrilatera (o dorso della sella) dello sfenoide; prosegue dunque sullo spigolo posterosuperiore della piramide del temporale e infine sul solco del seno trasverso in corrispondenza della faccia endocranica della squama dell'osso temporale.

Nello spazio formato dallo sdoppiamento della dura madre e dallo spigolo posterosuperiore della piramide del temporale decorrerà il seno petroso superiore. Nello spazio formato dallo sdoppiamento della dura madre e del solco del seno trasverso decorrerà il seno trasverso.

Il margine anteriore è libero e prende inserzione in corrispondenza dei processi clinoidei anteriori e insieme al clivo dell'occipitale delimita il forame ovale di Pacchioni attraverso cui passa il mesencefalo. Il margine anteriore tentorio ha quindi un rapporto con il tronco encefalico.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giuseppe Anastasi, Giuseppe Balboni, Pietro Motta, et al., Trattato di anatomia umana, Napoli, Edi. Ermes, 2006. ISBN 88-705-1285-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]