Grande falce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione trasversale della grande falce cerebrale.

La grande falce, o grande circonferenza, o bordo esterno del tentorio, o falce cerebrale è un sepimento costituito da un'espansione di dura madre a forma di setto verticale che si pone tra i due emisferi cerebrali, all'interno della scissura interemisferica.[1]

Il setto si presenta sottile nella parte frontale, diventando via via più ampio nella regione occipitale dove è collegata con la parte superiore del tentorio cerebellare. La grande falce aderisce alla protuberanza occipitale interna, al solco trasverso occipitale, al bordo superiore della rocca petrosa e termina alle apofisi clinoidee posteriori, mentre la piccola circonferenza collega le due apofisi clinoidee anteriori, passa dietro alla doccia basilare e con essa forma il forame ovale di Pacchioni, prosegue e passa sopra alla rocca petrosa e lateralmente raggiunge il processo clinoideo posteriore e si fissa su quello anteriore.

All'interno dello spessore della grande falce, nel punto in cui questa si allarga e aderisce alla volta interna del cranio, corre il seno venoso che raccoglie il sangue che defluisce dalla circolazione cerebrale.[2]

La grande falce tende a subire un processo di calcificazione con l'avanzare dell'età.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Treccani, Dizionario di Medicina (2010). Grande falce cerebrale.
  2. ^ DeAgostini, Dizionario medico. Falce cerebrale.
Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Anatomia