Tempio israelitico di Modena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°38′46.85″N 10°55′36.89″E / 44.646347°N 10.926914°E44.646347; 10.926914

Sinagoga di Modena
la facciata
la facciata
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna
Località Modena
Religione Ebraismo
Architetto Ludovico Maglietta
Stile architettonico Lombardesco
Completamento 1873

Il Tempio Israelitico di Modena, chiamato più semplicemente Sinagoga, si trova in Piazza Mazzini, a poche decine di metri dal Palazzo Comunale. Fu fatto costruire dalla Comunità Ebraica di Modena nel 1873, in suggestivo stile lombardesco.

1leftarrow.pngVoce principale: Comunità ebraica di Modena.

L'edificio[modifica | modifica sorgente]

Il progetto, a pianta ellittica iscritta in un'area rettangolare (le dodici colonne che sorreggono il matroneo rappresentano le dodici tribù di Israele), è di Ludovico Maglietta; le decorazioni dipinte all'interno (tutte rigorosamente non figurative, come prescrive la legge ebraica), sono di Ferdinando Manzini.

Il tempio nel ghetto[modifica | modifica sorgente]

Oggi la facciata della Sinagoga è ben visibile nella zona più centrale della città, ma nel passato le cose erano ben diverse. Quando fu costruito, infatti, il tempio era totalmente nascosto alla visuale dai fabbricati che sorgevano nell'area dell'attuale Piazza Mazzini: questi edifici furono demoliti nel 1904. La Sinagoga sorgeva in effetti al centro del ghetto degli ebrei, voluto da Francesco I d'Este nel 1638: il quartiere, dal quale gli Ebrei non potevano uscire durante le ore notturne, era chiuso con due cancelli in via Blasia e in via Coltellini. Qui viveva almeno un migliaio di ebrei nel 1861, quando con l'annessione di Modena al Regno d'Italia il ghetto fu chiuso.

Il tempio nella piazza[modifica | modifica sorgente]

Con l'apertura di Piazza Mazzini, la Sinagoga cambia facciata (in precedenza infatti essa si trovava sul lato di Via Coltellini), e si trova ad occupare una posizione centralissima, a poche decine di metri dal Palazzo Comunale, dal Duomo e dalla Ghirlandina. In epoca fascista la facciata fu parzialmente nascosta dalle chiome degli alberi piantati nella piazza.

Vandali e 'terroristi'[modifica | modifica sorgente]

Negli ultimi 20-30 anni la Sinagoga è stata oggetto di atti di vandalismo di matrice antisemita; per questo motivo tuttora pattugliata dalle forze dell'ordine 24 ore su 24. Nella notte tra l'11 e il 12 dicembre 2003, la Sinagoga fu teatro di una violenta esplosione, che fece temere fosse avvenuto il primo attentato suicida di matrice islamica su suolo italiano. In realtà la vittima, Al Khatib Muhannad Shafiq Ahma, lasciatosi esplodere a bordo della sua macchina, sulla quale aveva caricato bombole di gas, era un personaggio scarsamente inserito nella locale comunità islamica, affetto da depressione e varie psicosi, per le quali era sottoposto a dosi massicce di psicofarmaci. Nei giorni precedenti la sua morte, pare avesse confidato a dei conoscenti di "non farcela più", e di "aver sbagliato tutto". Per questi motivi gli inquirenti lasciarono cadere l'ipotesi eversiva, insinuando tutt'al più il dubbio di un gesto emulativo degli attentati suicidi veri e propri, prodotto da una mente sconvolta. La violenta esplosione ha causato solamente lievi danni alla struttura.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo