Syphon Filter: Logan's Shadow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Syphon Filter: Logan's Shadow
Sviluppo Sony Bend
Pubblicazione SCEA
Data di pubblicazione PSP:

Stati Uniti 2 ottobre 2007
Europa 30 novembre 2007
Playstation 2:
Stati Uniti 1 giugno 2010

Genere Sparatutto in terza persona, Stealth
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma PlayStation 2, PlayStation Portable
Motore fisico Havok
Supporto 1 UMD, DVD-ROM
Periferiche di input joystick

Syphon Filter: Logan's Shadow è un videogioco d'azione in terza persona con elementi tattici sviluppato da SCE Bend Studio e pubblicato da Sony tramite SCEA. Distribuito in Europa il 30 novembre 2007, Syphon Filter: Logan's Shadow è il sesto capitolo della saga videoludica, nonché seguito del più noto Syphon Filter: Dark Mirror.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A distanza di poco tempo dagli eventi riguardanti il Dark Mirror, Gabriel Logan riceve un incarico dal burocrate Robert Cordell: una nave da carico americana, la St.Helens, è stata attaccata da un gruppo di pirati somali a cui capo c'è il noto terrorista siriano Ghassan al-Bitar. Bitar è ben noto a Logan in quanto alcuni anni prima fu sul punto di ucciderlo e la richiesta del governo, causa principale della fuga del siriano, crea non pochi dubbi. Cordell spiega che l'Agenzia è l'unico modo per non far conoscere ai Media l'accaduto e Logan, catturato dall'idea di pareggiare i conti con Bitar, accetta l'incarico. La St.Helens contiene però ben altri segreti e si viene a scoprire che i pirati erano interessati ad un misterioso carico contenuto nella Stiva 5 della nave. Fra sotterfugi ed intrighi politici, Gabe Logan dovrà scoprire il perché dei sospetti di Cordell riguardo l'agenzia ed in particolar modo Lian Xing, ritratta in più foto con Bitar ed un altro misterioso uomo.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad utilizzare un motore fisico più realistico (denominato Havok), Syphon Filter: Logan's Shadow implementa il già funzionale sistema di gioco di Syphon Filter: Dark Mirror con ulteriori aggiunte fra cui l'utilizzo di oggetti per il fuoco coperto e la possibilità di usare gli avversari come scudi umani. Innovativo è anche la nuova modalità di combattimento sott'acqua ed i relativi accorgimenti sull'utilizzo di armi da fuoco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi