Sylvia melanocephala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Occhiocotto
Sardinian Warbler.jpg
Sylvia melanocephala
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Sylvioidea
Famiglia Sylviidae
Genere Sylvia
Specie S. melanocephala
Nomenclatura binomiale
Sylvia melanocephala
(Gmelin, 1789)
Uova di Sylvia melanocephala

L'occhiocotto (Sylvia melanocephala (Gmelin, 1789)) è un uccello passeriforme della famiglia Sylviidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Grande poco meno di un passero, con becco sottile, ali brevi e coda ad apice arrotondato, presenta un colorito prevalentemente grigiastro. Il maschio è identificabile grazie ai margini della coda bianchi (assenti nella comune capinera) e soprattutto al cappuccio nero esteso fin sotto gli occhi su cui spicca l'anello perioculare rosso che ne ha suggerito il nome italiano; la femmina, e soprattutto i giovani, presentano una livrea meno contrastata e possono più facilmente essere confusi con altri piccoli passeriformi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È presente nel bacino del mar Mediterraneo fino alla Turchia e al mar Caspio. In Italia è stanziale e nidificante, molto localizzato lungo le coste e nelle regioni settentrionali, ma sono note popolazioni migratrici provenienti dall'Africa che transitano sulla penisola.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Sono note 6 sottospecie:[2]

  • Sylvia melanocephala melanocephala (Gmelin, 1789)
  • Sylvia melanocephala momus (Hemprich & Ehrenberg, 1833)
  • Sylvia melanocephala leucogastra (Ledru, 1810)
  • Sylvia melanocephala norrisae Nicoll, 1917
  • Sylvia melanocephala pasiphae Stresemann & Schiebel, 1925
  • Sylvia melanocephala valverdei Cabot & Urdiales, 2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Sylvia melanocephala in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Sylviidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli