Sula granti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sula di Nazca
Nazca booby chick and egg.jpg
Una sula di Nazca con la sua covata
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Suliformes
Famiglia Sulidae
Genere Sula
Specie S. granti
Nomenclatura binomiale
Sula granti
Rothschild, 1902

La sula di Nazca (Sula granti Rothschild, 1902) è un uccello della famiglia dei Sulidi diffuso nell'Oceano Pacifico orientale, soprattutto sulle Isole Galápagos, dove viene spesso osservato dagli ecoturisti, e sull'Isola di Clipperton. Le Isole Revillagigedo, al largo della Baja California, costituiscono forse il limite nord-orientale del suo areale di nidificazione[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Ritenuta in passato una semplice sottospecie della sula mascherata, la sula di Nazca è attualmente considerata una specie a parte. Si differenzia dalla sula mascherata per aspetti sia ecologici che morfologici[3], ma, soprattutto, per il citocromo b delle sequenze di DNA mitocondriale[4]. La sula di Nazca convive con la sula mascherata sull'Isola di Clipperton, dove talvolta può dare vita a ibridi[4].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Primo piano.

La sula di Nazca è nota per praticare il siblicidio (uccisione dei fratelli nel nido) obbligato[5]. Depone due uova che si schiudono a diversi giorni di distanza tra loro. Se entrambe le uova si schiudono, il pulcino più anziano spinge il fratello al di fuori dell'area del nido, lasciandolo morire di sete o freddo. Dato che i genitori non intervengono mai, il pulcino più giovane muore inevitabilmente. Gli studiosi ritengono che questa sula deponga sempre due uova nel caso una di esse venga distrutta o divorata o il pulcino muoia poco dopo la schiusa. In uno studio pubblicato su PLoS ONE (18 giugno 2008), i biologi collegano il comportamento omicida agli elevati livelli di testosterone e androgeni riscontrati negli immaturi[6]. Secondo questo studio, gli elevati livelli ormonali sono anche alla base del comportamento aggressivo degli adulti. Questi, infatti, se non portano a termine con successo la riproduzione, irrompono frequentemente nei nidi dei loro vicini e durante queste visite spesso mordono o lisciano le piume ai pulcini altrui, cercando perfino di accoppiarsi con loro[7]. Questo comportamento è noto come NPAV (Non Parental Adult Visitor, visite di adulti non genitori); le cause di questo comportamento, tuttavia, non sono state ancora apprese a pieno[8].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2009, Sula granti in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Bayard H. Brattstrom e Thomas R. Howell, The Birds of the Revilla Gigedo Islands, Mexico in Condor, vol. 58, nº 2, 1956, pp. 107–20, DOI:10.2307/1364977, JSTOR 1364977. DjVu fulltext
  3. ^ Pitman, R.L. & Jehl, J.R., Geographic variation and reassessment of species limits in the "Masked" Boobies of the eastern Pacific Ocean in Wilson Bull., vol. 110, nº 2, 1998, pp. 155–70. DjVu fulltext
  4. ^ a b (EN) Friesen, V.L.; Anderson, D.J.; Steeves, T.E.; Jones, H. & Schreiber, E.A., Molecular Support for Species Status of the Nazca Booby (Sula granti) ( [collegamento interrotto]) in Auk, vol. 119, nº 3, 2002, pp. 820–6, DOI:10.1642/0004-8038(2002)119[0820:MSFSSO]2.0.CO;2.
  5. ^ Anderson, J. David, The evolution of Obligate Siblicide in boobies in Evolution, dicembre 1990.
  6. ^ Müller MS, Brennecke JF, Porter ET, Ottinger MA, Anderson DJ, Perinatal Androgens and Adult Behavior Vary with Nestling Social System in Siblicidal Boobies in PLoS ONE, vol. 3, nº 6, giugno 2008, pp. e2460, DOI:10.1371/journal.pone.0002460, PMC 2413419, PMID 18560542.
  7. ^ High Hormone Levels in Seabird Chicks Prepare Them to Kill Their Siblings Newswise, Retrieved on July 1, 2008.
  8. ^ Anderson DJ, Porter ET, Ferree ED, Non breeding Nazca boobies(Sula Granti) show social and sexual interest in chicks: behavioral and ecological aspects in Behavior, vol. 141, 2004, pp. 959–77, DOI:10.1163/1568539042360134.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]