Struvite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struvite
Struvit Guelleaufbereitung.jpg
Classificazione Strunz VII/C.23-10
Formula chimica (NH4)MgPO4·6(H2O)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino ortorombico
Classe di simmetria piramidale
Parametri di cella a = 6.945, b = 11.208, c = 6.1355
Gruppo puntuale mm2
Gruppo spaziale P mn21
Proprietà fisiche
Densità 1,65-1,7 g/cm³
Durezza (Mohs) 1,5-2
Sfaldatura perfetta secondo {100}, buona secondo {001}
Frattura  
Colore incolore, giallastro, brunastro
Lucentezza vitrea o fievole
Opacità trasparente o traslucida
Striscio bianca
Diffusione assai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La struvite è un minerale, un fosfato idrato di ammonio e magnesio. Dal nome del diplomatico russo Heinrich Christoph Gottfried Struve (1772-1851)

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

Cristalli in forma di prismi tozzi, tabulari, cuneiformi e in concrezioni.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La genesi di questo minerale è secondaria.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta in cristalli equidimensionali.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica wikitesto]

Debolmente solubile in acqua; fonde facilmente. Se riscaldata, libera acqua e ammoniaca. Diventa opaca per disidratazione. Colora la fiamma di verde e si scioglie negli acidi.

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

A Brunswick, presso Amburgo; nella Skipton Cave, in Australia; nell'isola di Reunion, nell'Oceano Indiano e a Saldanha Bay, in Sudafrica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cristalli di struvite presenti nel sedimento urinario di cane

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia