Slender: The Eight Pages

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Slender)
Slender: The Eight Pages
Slender Logo.jpg
Il logo del gioco
Sviluppo Parsec Productions
Data di pubblicazione 26 giugno 2012
Genere Avventura
Tema Horror
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X
Motore grafico Unity 3D
Supporto Distribuzione digitale
Seguito da Slender: The Arrival

Slender: The Eight Pages è un videogioco indipendente di genere horror psicologico scaricabile gratuitamente, sviluppato dalla Parsec Productions e rilasciato il 26 giugno 2012 per Microsoft Windows e Mac OS X. Il gioco si basa su una leggenda urbana che parla di una creatura chiamata Slender Man.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Slender: The Eight Pages inizia con una donna, probabilmente una ragazzina (ipotesi nata dal timbro vocale udibile quando il personaggio respira affannosamente, e per le leggende sullo Slender Man che lo vedono come creatura che rapisce i bambini) che vaga in una foresta di notte; l'intera esperienza di gioco è vista attraverso l'obiettivo di una telecamera, ed il personaggio è dotato di una torcia dalla durata limitata. Il nome della ragazza, stando a ciò che fa intuire il sequel, potrebbe essere Kate. Il giocatore può alternativamente correre per pochi secondi ad una velocità discretamente più alta del normale o, quando sorpreso da Slender Man, scattare per 10 secondi ad una velocità molto alta, diminuendo tuttavia l'ammontare massimo di resistenza fisica del personaggio. Mano mano che ci si avvicina alla suddetta creatura, la telecamera avrà delle interferenze, dato che Slender Man riesce a far andare in corto le apparecchiature elettroniche.

Slender Man, letteralmente uomo smilzo, è il principale antagonista del gioco. Si presenta come un uomo alto e magro con la pelle bianca, vestito con abito elegante nero, lunghe braccia, che quasi arrivano al suolo, e dei tentacoli che fuoriescono dalla schiena. La maggiore particolarità del personaggio è il fatto di non possedere un volto. Come descritto nelle leggende urbane rintracciabili online, questi è incapace di muoversi tramite le sue gambe, usando bensì la sua capacità di teletrasportarsi per raggiungere una determinata destinazione.

Con l'aumentare della difficoltà, lo Slender Man si teletrasporterà sempre più frequentemente per avvicinarsi al giocatore, causando il Game Over ogni qualvolta egli si avvicini troppo.

Guardare Slender Man troppo a lungo, anche a lunghe distanze, farà impazzire la protagonista, causando anche in questo caso il Game Over.

Obiettivo[modifica | modifica sorgente]

L'obiettivo del gioco è trovare otto pagine di diario, tutte riguardanti Slender Man. La difficoltà del gioco aumenta gradualmente ad ogni pagina trovata o con l'avanzare del tempo di gioco. La massima difficoltà effettiva è raggiunta quando si posseggono sette pagine. Non esiste un'uscita alla mappa, e una volta raccolta l'ottava pagina, ci si dovrà far catturare da Slender Man: questo causerà il Game Over, ma in realtà completerà il gioco sbloccando nuove modalità ed extra.

Una volta che si verifica il Game Over, sullo schermo apparirà il numero di pagine prese, e dopodiché si tornerà al menu iniziale

Completamento[modifica | modifica sorgente]

Se il giocatore riesce a raccogliere tutte le otto pagine, questi ha la possibilità di aggirarsi ancora per la mappa fino al momento in cui non viene catturato da Slender Man.

A partire dalla versione 0.9.4, la musica di sottofondo si interrompe e si ha la possibilità di aggirarsi ancora per l'ambiente, fino al momento in cui Slender Man non causerà il game over teletrasportandosi vicino al giocatore; il personaggio si risveglierà poi di giorno. La modalità daytime viene sbloccata, escludendo quindi l'utilizzo della torcia elettrica. Nelle precedenti versioni, al completamento della modalità day, si sbloccava anche la modalità dei 20 dollari, aggiungendo come easter egg il suono della canzone Give me 20 Dollars, che aumentava di volume a mano a mano che Slender Man si avvicinava al giocatore.

Col susseguirsi delle versioni sono state aggiunte altre caratteristiche, come ad esempio la possibilità di utilizzare, al posto della normale torcia elettrica, un bastoncino fluorescente verde o una lampada ad olio. Ogni fonte luminosa possiede caratteristiche diverse dalle altre.

È stata anche aggiunta una nuova modalità, la Marble Hornets Mode. Attivandola, prima di giocare comparirà la scritta "I found the following tape when I returned from the woods" (Ho trovato questa registrazione tornando dal bosco). Il gioco procederà normalmente, con la differenza che sembrerà di vedere un filmato su cassetta: compariranno delle bande di rumore video in alto e in basso e la musica sarà del tutto assente, così come l'effetto sonoro di quando si inquadra Slender Man. Anche in questa modalità sarà possibile utilizzare le succitate fonti luminose sbloccabili.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

È stato rilasciato nel marzo 2013 un nuovo capitolo del gioco, prodotto dal team originale, la Parsec Production, in collaborazione con i Blue Isle Studios. Il gioco prende il titolo di Slender: The Arrival, ed inizialmente era un sequel di Slender: The Eight Pages. Il trailer ufficiale è stato rilasciato il 24 dicembre 2012.

A differenza del classico Slender, la smilza creatura non sarà l'unico antagonista, ma vi saranno altre creature che attaccheranno il giocatore. Sul sito ufficiale non sono stati inizialmente riportati riferimenti sulla trama, ma informazioni sul fatto che dovevano essere completati molti più obiettivi del precedente capitolo, e che le ambientazioni sarebbero state varie, comprendendo case, strutture abbandonate, foreste e aperta campagna.

A differenza di "The Eight Pages", il gioco è a pagamento, e da come i produttori stessi affermano, the game will cost less than $20 (il gioco costerà meno di 20 dollari, riferito ovviamente alla versione base del gioco), in riferimento ad un precedente easter egg presente nelle precedenti versioni di "The Eight Pages".

Dalla versione 1.3 di The Arrival è stata introdotta una nuova mappa, Genesis, fedele riproduzione della mappa originale di The Eight Pages. Nonostante questo, risulterà più semplice completarla, poiché in The Arrival la camminata della protagonista risulta essere più veloce rispetto al gioco originale.

Il videogioco Slender Man's Shadow è un sequel "non ufficiale".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi