Silurus aristotelis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Siluro di Aristotele
Immagine di Silurus aristotelis mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Ittiopsidi
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Ostariophysi
Ordine Siluriformes
Famiglia Siluridae
Genere Silurus
Specie S. aristotelis
Nomenclatura binomiale
Silurus aristotelis
Garman, 1890
Sinonimi

Siluris aristotelis, Parasilurus aristotelis

Il siluro di Aristotele (Silurus aristotelis, noto anche con il sinonimo di Parasilurus aristotelis) è un pesce d'acqua dolce della famiglia Siluridae.

Habitat e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce è endemico del bacino del fiume Aspropotamo. È stato traslocato dall'uomo nei laghi Volvi e Pamvotida.
Vive nei tratti calmi dei fiumi planiziari e in laghi eutrofici.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Morfologicamente è simile al suo parente più stretto, il Siluro d'Europa (Silurus glanis Garman, 1890) con le seguenti differenze:

  • i barbigli sono 4 (due sulla mascella e due sulla mandibola) mentre nel più grande congenere sono 6
  • i barbigli sono molto più corti
  • la pinna dorsale ha solo 3 raggi ed è piccolissima.

Raggiunge la taglia di 50–60 cm per 1–2 kg di peso.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si ciba di pesci, invertebrati ed altri animali. Caccia di notte.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La riproduzione di questo pesce è stata per la prima volta descritta dal filosofo Aristotele. La deposizione delle uova avviene in primavera; il maschio diventa territoriale e costruisce un nido che poi difende fino a che non viene lasciato dalle larve.

Biologia e pesca[modifica | modifica wikitesto]

Di questa specie si sa poco, così come sono pochi i documenti relativi alla sua commercializzazione, allevamento e pesca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Barbieri, R. & Kottelat, M., Silurus aristotelis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ladiges-Vogt - Guida dei pesci d'acqua dolce d'Europa - Franco Muzzio editore
  • Silvio Bruno-Stefano Maugeri - Pesci d'acqua dolce, Atlante d'Europa - Editoriale Giorgio Mondadori
  • Muus-Dahlström Guida dei pesci d'acqua dolce - Edagricole
  • (EN) Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci