Sesto Afranio Burro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sesto Afranio Burro (latino: Sextus Afranius Burrus; 162) è stato un politico romano, prefetto del pretorio e consigliere dell'imperatore romano Nerone (54-68), insieme a Seneca il giovane molto potente durante i primi anni del regno di Nerone.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Burro nacque nella Gallia Narbonense e fu scelto da Agrippina minore come prefetto nel 50 per dare a suo figlio Nerone il posto di imperatore dopo la morte di Claudio. Durante i primi otto anni del dominio di Nerone sull'impero romano, lui e Seneca, insegnante privato di Nerone, contribuirono a formare un governo stabile. Grazie al ruolo di tutore del giovane imperatore, ebbe di fatto un grande potere per diversi anni. Consentì a Nerone l'omicidio di Agrippina ma perse comunque la sua influenza su di lui; fu allontanato insieme a Seneca da Nerone, che non sopportava più il controllo dei due. Morì nel 62; la causa del decesso non è nota ma alcuni storici, tra cui Tacito, sospettavano per avvelenamento.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Prefetto del pretorio Successore
Lusio Geta e Rufrio Crispino 50 - 62 Gaio Ofonio Tigellino, Lucio Fenio Rufo e Ninfidio Sabino