San Marone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi San Marone (disambigua).
San Marone
St. Maron.jpg

Abate

Nascita III secolo
Morte 410 circa
Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa ortodossa
Ricorrenza 9 febbraio.
Patrono di Cattolici maroniti, Civitanova Marche, Volperino (frazione di Foligno)

San Marone (... – 410 circa) è stato un monaco siriaco; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa, considerato dalla tradizione il fondatore di una congregazione monastica-spirituale nel Libano del V secolo[1]. Da lui prende l'appellativo di "maronita" la Chiesa cattolica libanese. Marone fu conosciuto per la sua attività missionaria, per le guarigioni e miracoli attribuitigli e per il suo ascetismo[2].

Vita e opere[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la popolarità di Marone, non si hanno notizie precise e approfondite sulla sua vita[2]. Nato a metà del IV secolo in Siria, fu un sacerdote che divenne eremita ritirandosi su una montagna del Tauro nella regione di Cirro, vicino Antiochia[3]. Il suo stile di vita ascetico e i miracoli che gli venivano attribuiti gli attirarono molti seguaci e gli procurarono l'attenzione di tutto l'impero[2]. Nel 405 circa Giovanni Crisostomo gli inviò una lettera esprimendogli il suo rispetto e la sua devozione, chiedendogli di pregare per lui.

La Chiesa maronita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa maronita.

Marone è considerato il padre della congregazione monastica-spirituale che ha dato origine alla formazione della Chiesa maronita[4], congregazione che ha una profonda influenza nei territori del medio oriente, specialmente in Libano. Marone passò gran parte della sua vita sulle montagne siriane. Si pensa che il luogo della sua dimora avesse il nome di Kefar-Nabo, e che fosse situato sulla montagna di Ol-Yambos, per questo i territori vicini alla montagna siriana vengono considerati come culla della congregazione maronita.

La congregazione maronita si diffuse in Libano quando il primo discepolo di Marone Abramo di Cirro si rese conto che pochi in Libano praticavano il Cristianesimo e usò la figura di Marone come esempio morale per convertirli al Cristianesimo. I seguaci di Marone rimasero fedeli agli insegnamenti della Chiesa cattolica, infatti la Chiesa maronita è una Chiesa sui iuris della Chiesa cattolica.

Patronati[modifica | modifica wikitesto]

Marone è patrono delle seguenti istituzioni:

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che le reliquie di Marone furono portate nell'Abbazia di Sassovivo presso Foligno, sono state conservate per lungo tempo nella frazione di Volperino prima di essere trasferite nella Cattedrale di San Feliciano di Foligno e poi una parte fu riportata a Sassovivo.[5] Il 25 novembre 2005 le reliquie presenti a Sassovivo furono trafugate dall'Abbazia.[6]

La memoria liturgica dell'eremita siriano ricorre il 9 febbraio per la Chiesa cattolica[7], il 14 febbraio per la Chiesa ortodossa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Saint Maroun. dal sito opuslibani.org.lb.
  2. ^ a b c Dal profilo sul sito santiebeati.it
  3. ^ (EN) St. Maroun's: Maronite History dal sito saintmaron-clev.org
  4. ^ Guy Bedouelle, Dizionario di storia della Chiesa, Bologna, Edizioni Studio Domenicano [1997], p. 164.
  5. ^ Notizie storiche ed agiografiche su San Marone ed il suo culto Dal sito terrainvisibile.it
  6. ^ Dal sito ktucitywalks.co.uk
  7. ^ Martyrologium Romanum (Libreria Editrice Vaticana 2001 ISBN 88-209-7210-7)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 35260339