Salgueiro Maia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monumento a Salgueiro Maia

Fernando José Salgueiro Maia, noto semplicemente come Salgueiro Maia (Castelo de Vide, 1º luglio 1944Santarém, 4 aprile 1992), è stato un militare portoghese che, durante la Rivoluzione dei garofani, diede un decisivo contributo al rovesciamento del regime dittatoriale esistente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Durante la Rivoluzione dei Garofani[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rivoluzione dei Garofani.

Nei primi anni Settanta (e, più precisamente, nel 1974) giovane capitano incaricato dell'addestramento dei sottufficiali presso la "Escola Prática de Cavalaria" di Santarém, fu informato dei piani del Movimento delle Forze Armate per abbattere il regime autoritario dell'Estado Novo che governava il Portogallo da mezzo secolo.

Al momento del segnale convenuto per l'avvio delle operazioni (la canzone di José Afonso proibita dal regime Grândola vila morena, trasmessa alla radio), prese le armi insieme ai suoi cadetti e si unì alle forze ribelli dell'MFA dopo aver arrestato i propri superiori.

In seguito si diresse verso Lisbona e qui prima pose sotto assedio le sedi istituzionali nel quartiere Terreiro do Paço, poi su ordine del comando dell'MFA, il quartier generale della Guarda Nacional Republicana a Carmo, dove si trovavano il presidente del Consiglio Marcelo Caetano e altri alti funzionari di regime.

È accreditato per aver evitato spargimenti di sangue (le uniche vittime del colpo di stato furono 4 civili uccisi dalla polizia politica fedele al governo), riuscendo comunque a convincere le forze lealiste a passare dalla parte dei ribelli e, infine, ottenendo la resa di Caetano.

Dopo la Rivoluzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo la Rivoluzione Salgueiro Maia non volle assumere alcun incarico politico. Nel 1981 fu promosso al grado di maggiore.

Adottò due bambini. Nel 1989 gli fu diagnosticato un cancro che, dopo una lunga sofferenza e diverse operazioni chirurgiche, lo portò alla morte il 4 aprile 1992, a soli 48 anni di età.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29634306 LCCN: n95025988