Respirazione olotropica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

La respirazione olotropica è una pratica alternativa priva di riscontri scientifici, sviluppata da Stanislav Grof, M.D., Ph.D. e Christina Grof, che a loro dire consentirebbe l'accesso a "stati non ordinari di coscienza".

Il termine "olotropica" proviene dal greco ὅλος (intero) e τρεπὲιν (muoversi verso): significa quindi "che si muove verso l'interezza".

Ha qualche somiglianza con il rebirthing, ma è stato sviluppato in maniera indipendente. È definita dai suoi praticanti come una "tecnica di auto-esplorazione" che mescola (in maniera non scientificamente fondata o comprovata) concetti presi dall'antropologia, dalla psicologia transpersonale, da pratiche spirituali orientali e tradizioni mistiche di varia origine.

Il metodo[modifica | modifica sorgente]

Il metodo si articola in sei punti: presentazione teorica del paradigma transpersonale di Stanislav Grof; respirazione accelerata; ascolto di musica evocativa; lavoro sul corpo; rappresentazione figurativa in un mandala dell'esperienza vissuta; condivisione in gruppo dell'esperienza vissuta.

Si pratica solitamente in gruppi, ma anche in sessioni individuali. All'interno dei gruppi, i partecipanti lavorano in coppia e si alternano nei ruoli di sperimentatore ("colui che respira") e "sitter". La responsabilità primaria del sitter è quello di stabilire una relazione empatica con il proprio compagno che respira senza interferire né interrompere il suo processo. Lo stesso vale per i facilitatori formati, che sono disponibili come aiutanti, se necessario.

Controversie sul metodo[modifica | modifica sorgente]

I sostenitori del metodo affermano che a loro dire lo stato di coscienza che viene in questo modo generato attiverebbe una sorta di "naturale processo interno di guarigione della propria psiche", portando alla consapevolezza della persona un particolare gruppo di esperienze interiori. Non esiste alcuna prova clinica o scientifica con nessuna revisione paritaria della validità di tali affermazioni.

Ken Wilber, nel suo libro "Eye of the Spirit" (1996), critica l'affermazione di Grof secondo la quale per poter accedere a stati di coscienza transpersonali l'individuo debba dapprima regredire allo stato perinatale per risolvere il trauma della (e/o in vicinanza della) nascita. Wilber afferma che, sebbene questo possa essere vero, lo è solo in un determinato numero di casi.

Rischi sanitari[modifica | modifica sorgente]

I rischi sanitari accertati legati alle pratiche di iperventilazione sono diversi e gravi, comprese forme di alcalosi respiratoria, conseguenti parestesie e potenziali rischi ipossici[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Medscape

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia