Raja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Raja (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Con l'appellativo Hindi Ràjah, (pronunciato spesso ragià) si indica un Re.

Un Rāja (sanscrito, rājan-, come pure in pāli) è un sovrano, o un governante principesco della casta Kshatriya (o del lignaggio Rajput).

Il titolo ha una lunga storia nel subcontinente indiano e nel Sud-Est asiatico, essendo attestato già nel Rigveda.[1]

Il concetto di Rāja nella letteratura e storiografia classica indiana spesso non è paragonabile a quello europeo di re, quanto piuttosto a quello di governatore aristocratico, di capo clan, o capo di una confederazione, o di una repubblica oligarchica. Ad esempio, lo Schumann riferisce che il rāja di Kapilavatthu nel V secolo a.C. era

« eletto dall'aristocrazia guerriera o burocratica [...] tali elezioni non avevano luogo a intervalli prestabiliti, ma all'occorrenza [...] Di certo il rāja, dopo la designazione, poteva prendere possesso della carica solo quando il re di Kosala aveva approvato i risultati delle elezioni a Sāvatthi. [...] [Il rāja] Suddhodana regnava da solo, ma non in modo autocratico, perché le questioni di grande interesse venivano sempre discusse in seno al consiglio della repubblica »
(Schumann, op. cit., pag. 28)

La parola sanscrita rājan- in un sistema n, con nominativo rājā , è affine al latino rēx, al celto-gallico rīx ecc. (originariamente denotava capi tribali o capi di piccole città-Stato), e in fin dei conti è un nomen actionis (vrddhi) che deriva dalla radice linguistica indoeuropea *h₃reǵ- , che significa "raddrizzare, ordinare, governare" (latino regere ).

Le più comuni parlate hindi usate per indicare il medesimo rango sociale in (parti dell' ) India includono Rana, Rao, Raol, Rawal e Rawat. La forma femminile, 'regina', spesso usata per la moglie di un Rāja, è Rani (talvolta trascritta per agevolare gli anglofoni 'Ranee'), dal sanscrito rājñī (paragonare al latino regīna o all'antico irlandese rígain ).

Rāja è una titolatura affermata nella cultura Hindu e usata da alcuni governanti buddhisti e Sikh, mentre i musulmani del sub-continente indiano hanno preferito il termine Nawab (da cui il termine italiano nababbo) o Sultano. Il termine Rāja è ancora comunemente usato in India.

Tuttavia, anche in Pakistan, Rāja è ancora in uso fra molti clan Rajput, come titolo trasmesso ereditariamente da chi lo porta.

Rāja è impiegato altresì come nome proprio da Hindu e Sikh.

Rāja è anche usato come nome per cani nei villaggi.

Nepal[modifica | modifica wikitesto]

Un rāja è il capo prescelto di una tribù.

Rāja nel mondo malese[modifica | modifica wikitesto]

Il governante di Perlis (uno Stato costituzionale peninsulare della Malesia federale, la maggioranza dei cui colleghi sono Sultani, e che è uno degli elettori che designano uno di costoro Re ogni cinque anni) ha attualmente il titolo di Rāja di Perlis.

  • I Raja bianchi di Sarawak nel Borneo furono James Brooke e la sua discendenza dinastica.
  • Vari Stati principeschi tradizionali in Indonesia ancora chiamano Rāja il loro governante, o hanno fatto ciò fino alla loro abolizione, dopo la quale il titolo è diventato fittizio, ad es. a Buleleng, nell'isola di Bali.

Nelle Filippine, il Rāja è chiamato anche Raha.

Composti e titoli derivati[modifica | modifica wikitesto]

Un numero considerevole di modelli di principato, usa per i suoi governanti, le loro famiglie e/o i loro nobili cortigiani, il titolo/radice linguistica di Rāja:

  • Rao Rāja, una giustapposizione di due titoli equivalenti, è stato usato per i governanti di Bundi finché a costoro fu riconosciuto il titolo sovrano di Maharao Raja.
  • Rāja Bahadur è un tipico composto mughal, come aggettivo di Bahadur 'valoroso'.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dove è accuratamente tradotto come "capo tribale"; si veda ad esempio la dāśarājñá, la "battaglia dei dieci rāja".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hans W. Schumann, Il Buddha storico, 1ª ed., Roma, Salerno editrice, 1982, p. 336, ISBN 88-85026-82-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]