R Aquarii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R Aquarii
Mappa della costellazione dell'AcquarioMappa della costellazione dell'Acquario
Classificazione gigante rossa
Classe spettrale M7IIIpev C ~
Distanza dal Sole 643 anni luce
Costellazione Aquario
Redshift -0,000073 ± 0,000003
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 23h 43m 49,4616s
Declinazione -15° 17′ 04,202″
Lat. galattica 066,5168°
Long. galattica -70,3255°
Dati osservativi
Magnitudine app. 7,69
Magnitudine ass. 1,22
Parallasse 5,07 ± 3,15 mas
Moto proprio AR: 32,98 ± 1,46 mas/anno
Dec: -32,61 ± 1,13 mas/anno
Velocità radiale -22,0 ± 0,9 km/s
Nomenclature alternative
GSC 06404-00077, 2MASS J23434939-1517043, TYC 6404-77-1, ASAS J234349-1517.1, HD 222800, PPM 242022, YZ 105 8733, BD -16 6352, HIC 117054, RAFGL 3136, [WCP90] 234114.252-153343.26, HIP 117054, 1RXS J234351.0-151655, AAVSO 2338-15, GC 32948, HR 8992, SAO 165849, GCRV 14862, IRAS 23412-1533, SBC9 1454, IRC -20642

R Aquarii è una stella gigante rossa di magnitudine 7,69 situata nella costellazione dell'Aquario. Dista 643 anni luce dal sistema solare.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe; grazie alla sua posizione non fortemente australe, può essere osservata dalla gran parte delle regioni della Terra, sebbene gli osservatori dell'emisfero sud siano più avvantaggiati. Nei pressi dell'Antartide appare circumpolare, mentre resta sempre invisibile solo in prossimità del circolo polare artico. Essendo di magnitudine pari a 7,7, non è osservabile ad occhio nudo; per poterla scorgere è sufficiente comunque anche un binocolo di piccole dimensioni, a patto di avere a disposizione un cielo buio.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine agosto e dicembre; da entrambi gli emisferi il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella non lontana dall'equatore celeste.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

La stella è una gigante rossa variabile di tipo Mira; possiede una magnitudine assoluta di 1,22 e la sua velocità radiale negativa indica che la stella si sta avvicinando al sistema solare. La stella è accompagnata probabilmente da una nana bianca, con cui costituisce dunque un sistema binario; il loro periodo di rivoluzione è di circa 44 anni. Il sistema è circondato da una particolare nebulosa, nota come Ced 211, la quale costituisce una sfida per l'osservazione visuale: sebbene sia infatti ben evidente nelle fotografie, l'osservazione diretta attraverso gli strumenti di osservazione è estremamente difficoltosa. Questa nebulosa potrebbe essersi originata a seguito dell'esplosione, simile a una stella nova, avvenuta a spese della stella principale; questo evento potrebbe essere stato osservato dagli astronomi giapponesi nell'anno 930 d.C. Per questo motivo è classificata anche come variabile Zeta Andromedae, un sottotipo delle novae simbiotiche[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Z Aqr AAVSO

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni