Puerta del Sol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°25′01″N 3°42′13″W / 40.416944°N 3.703611°W40.416944; -3.703611

Puerta del Sol - 01.jpg

La Puerta del Sol è una delle piazze più importanti e famose di Madrid. Essa rappresenta il km 0 della rete stradale della Spagna ed è il centro delle celebrazioni nazionali della mezzanotte di San Silvestro con il famoso orologio che batte i 12 rintocchi.

Puerta del Sol a Madrid durante le proteste di Spagna 2011

Sin dalla nascita della capitale spagnola, fu il salotto di città e la culla prima di ogni attività commerciale, culturale, amministrativa di Madrid, di cui oggi rappresenta un simbolo noto agli occhi del mondo anche per aspetti più profani come la grande insegna luminosa dello sherry Tio Pepe che domina l'intera piazza.

La statua dell'Orso e del Corbezzolo e il neon pubblicitario di Tio Pepe

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Plaza de Puerta del Sol, cuore di Madrid: il Palazzo delle poste e la statua di Carlo III

Puerta del Sol è tra i luoghi più antichi di Madrid: nacque già nel XV secolo, contestualmente alla fondazione della nuova capitale di Spagna, che subentrò a Toledo. Originariamente, vi sorsero begli edifici governativi, che ne fecero il punto focale della vita cittadina madrilena, eretti attorno alla famosa porta esistente fin dal XII secolo, al di là della quale vi erano villaggi agricoli in crescente espansione. Puerta del Sol assurse al ruolo di centro della vita cittadina sempre di più nei secoli a venire, affermandosi come il luogo d'incontro preferito dei madrileni. Nel Settecento vi si innalzarono edifici di grande imponenza ed eleganza, tra cui spicca il Palazzo delle Poste, grandiosa costruzione che ancor oggi svetta sulla piazza, oggi sede del governo provinciale di Madrid. Per i numerosi turisti, Puerta del Sol è un punto di riferimento fondamentale nelle visite alla capitale spagnola, non solo per le sue bellezze artistiche ma soprattutto per la sua preminente centralità; la movida madrilena, così invidiata a Madrid da tutto il mondo, anche se non in toni molto accesi come nei quartieri delle discoteche, verte senz'altro su Puerta del Sol, la zona notturna più viva del centro storico, che di solito, giunta sera, si spopola a favore delle aree più vivaci e meno turistiche.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chilometro zero delle strade di Spagna, a Puerta del Sol
Puerta del Sol natalizia, con l'insegna-cult di Tio Pepe

Dominata, come tutte le maggiori piazze madrilene, da modernissime e potenti fontane dal getto spettacolare, e dotata di siepi ordinate, la Plaza de Puerta del Sol è circondata e intrisa di alcuni dei più conosciuti e fortemente tipici simboli associati a Madrid e alla Spagna nel mondo intero. Tra questi, indubbiamente, vi è il palazzo nobiliare sul cui terrazzo era montata la gigantesca insegna luminosa di Tio Pepe, un'icona commerciale, quasi, per le genti della capitale, usata per pubblicizzare una qualità di sherry; essa è stata restaurata nel 2011 per tornare visibile tre anni dopo. La grande piazza, di inconsueta forma allungata, è inoltre dominata dal Palazzo delle Poste, oggi sede di uffici amministrativi locali, un immenso edificio con il celeberrimo orologio che scandisce le fasi più importanti della vita di Madrid. In una città che di grandi orologi artistici è davvero molto ricca, nessuno di essi è comparabile al Reloj de Puerta del Sol, l'orologio nazionale per eccellenza. Famosa è pure la grande statua di Carlo III di Spagna, oltre naturalmente alla porta stessa.

Il rito delle campanadas[modifica | modifica wikitesto]

Un suggestivo rito scandisce l'arrivo del nuovo anno a Puerta del Sol. Poco prima della mezzanotte, un enorme carillon scende nell'orologio del Palazzo delle Poste, successivamente vengono scanditi prima i cuartos (4 doppi rintocchi), poi le campanadas, cioè un rintocco ogni 3 secondi nel quale va mangiato un chicco d'uva, alla fine di esse, si accende l'insegna luminosa Feliz XXXX che dà il via al nuovo anno. Dal 1962 tale rito è trasmesso in diretta tv prima da TVE poi dalle altre reti, ma solo dagli anni '90 esso prevede anche dei conduttori; nel 1997 è stato condotto per TVE da Raffaella Carrà, chiamata all'ultimo minuto ad affiancare il conduttore storico dell'evento Ramón García.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna