Ptiliogonatidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ptiliogonatidae
Phainopepla nitens 1.jpg
Phainopepla nitens
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Amniota
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Bombycilloidea
Famiglia Ptiliogonatidae
Baird, 1858
Sinonimi

Ptilogonatidae

Generi

Ptiliogonatide Baird, 1858 è una famiglia di uccelli passeriformi che include 4 specie diffuse prevalentemente in America centrale.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono passeriformi di media taglia, con lunghe code e un becco piccolo, caratterizzati da un piumaggio soffice e lucente, con colorazioni che vanno, a seconda della specie, dal nero, al grigio e al giallo. Tutte le specie tranne Phainoptila melanoxantha esibiscono una cresta pronunciata.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno una dieta prevalentemente insettivora ma alcune specie sono anche frugivore. Per esempio, la dieta della fainopepla nera (Phainopepla nitens) è fortemente dipendente dal consumo di bacche (Phoradendron spp., Sambucus spp., Toxicodendron spp., Juniperus spp.).[2][3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è principalmente concentrata in America centrale, dal Messico a Panama, con un'unica specie, Phainopepla nitens, che estende il suo areale sino agli Stati Uniti sud-occidentali (California, Arizona, Nevada meridionale e Utah meridionale).[4]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Nella classificazione degli uccelli di Sibley e Ahlquist (1990) tutte e quattro le specie venivano classificate nella tribù Ptilogonatini della famiglia Bombycillidae.[5] Successivamente sono state elevate al rango di famiglia a sé stante (Ptiliogonatidae), che in base ad analisi molecolari è stata collocata nella superfamiglia Bombycilloidea[6].

Il nome della famiglia si basa su quello del genere tipo che nella descrizione originale viene indicato come Ptiliogonys. Tra gli ornitologi è a lungo erroneamente prevalsa la dizione Ptilogonys da cui veniva fatta derivare la denominazione della famiglia come Ptilogonidae. Il Congresso Ornitologico Internazionale nel 2013 ha sancito il ritorno alla dizione originale.[1]

La famiglia comprende le seguenti 4 specie:[1]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Ptiliogonatidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  2. ^ a b Silky-Flycatchers (Ptiliogonatidae) in Bird Families of the World. URL consultato il 20 febbraio 2104.
  3. ^ http://www.laspilitas.com/California_birds/Silky_flycatcher/Phainopepla.html. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  4. ^ Miyoko Chu, Family Ptilogonatidae (Silky-flyctachers) in Josep del Hoyo, Andrew Elliott e David Christie (a cura di), Handbook of the Birds of the World. Volume 10, Cuckoo-shrikes to Thrushes, Barcelona, Lynx Edicions, 2005, pp. 292–304, ISBN 84-87334-72-5.
  5. ^ Sibley C.G. & Ahlquist J.E., Phylogeny and Classification of Birds. A Study in Molecular Evolution, New Haven and London, Yale University Press, 1990.
  6. ^ Spellman G.A., Cibois A. Moyle R.G., Winker K., Barker F.K., Clarifying the systematics of an enigmatic avian lineage: What is a bombycillid? in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 49, nº 3, 2008, pp. 1036–1040.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli