Pteralopex atrata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante dal muso di scimmia di Guadalcanal
Immagine di Pteralopex atrata mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteralopex
Specie P. atrata
Nomenclatura binomiale
Pteralopex atrata
Thomas, 1888
Areale

Distribuzione di Pteralopex atrata.tif

La Volpe volante dal muso di scimmia di Guadalcanal (Pteralopex atrata Thomas, 1888) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico di due delle Isole Salomone.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell’avambraccio tra 129 e 147 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 196 e 237 mm e un peso fino a 506 g.[3]
Il colore del dorso è nerastro o marrone scuro. Il colore delle parti ventrali è marrone scuro, cosparso di lunghi peli neri brillanti. Le orecchie sono parzialmente nascoste nel pelo. La pelliccia è più corta che in P. anceps, ed è schiacciata sulla schiena. L’avambraccio è praticamente privo di peli, mentre la tibia è ricoperta di peluria solo nella parte iniziale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Probabilmente riposa nelle cavità degli alberi.[1]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di frutti di Mango.[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa in due delle Isole Salomone: Guadalcanal, e Nuova Georgia.
Vive nelle foreste mature indisturbate fino a 400 metri di altitudine. Occasionalmente è stata osservata fino a 1.000 metri.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato l'Areale ristretto e frammentato e il piccolo numero di individui adulti, classifica P. atrata come specie in pericolo (EN).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Helgen, K. & Hamilton, S. 2008, Pteralopex atrata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteralopex atrata in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Andersen, 1912, op. cit.
  4. ^ Flannery, 1995, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi