Psittacula bensoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto grigio di Mauritius
P. eques.jpg
disegno ricostruttivo immaginario della specie estinta
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto (XVIII secolo)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Genere Psittacula
Specie P. bensoni
Nomenclatura binomiale
Psittacula bensoni
(Holyoak, 1973)
Sinonimi

Lophopsittacus bensoni

Il pappagallo grigio di Mauritius (Psittacula bensoni (Holyoak, 1973)) è un pappagallo estinto endemico dell'isola di Mauritius.[2]

È stato descritto in base ad alcune ossa subfossili ed ai racconti di alcuni viaggiatori che anticamente visitarono l'isola, riportando l'esistenza di "piccoli pappagalli di colore grigio"; non è tuttavia stato chiarito con certezza se tali animali non siano più semplicemente delle femmine di pappagallo dal becco grosso, che erano assai più piccole dei maschi. Tuttavia i pappagalli del becco grosso erano grigio-bluastri con variegature blu, mentre non si parla di altri colori oltre al grigio per questi uccelli. Inoltre, vengono riportati avvistamenti di questi animali ancora nel XVIII secolo, ossia oltre un secolo dopo la presunta estinzione del pappagallo dal becco grosso.

Vi sono inoltre alcuni viaggiatori che parlano di pappagalli multicolori ascrivendoli a questa specie, mentre si pensa piuttosto che si intendesse parlare del pappagallo delle Mascarene, del quale però non si è risontrata presenza di ossa su Mauritius, mentre vengono riportati avvistamenti del pappagallo grigio di Mauritius anche sull'isola di Réunion.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Lophopsittacus bensoni in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.