Personaggi di Kenshin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa è la lista dei personaggi del manga e dell'anime di Kenshin Samurai vagabondo, ideata da Nobuhiro Watsuki.

Tutti i personaggi di Kenshin nel trailer del gioco Rurouni Kenshin: Meiji Kenkaku Romantan Saisen

Protagonisti[modifica | modifica sorgente]

Kenshin Himura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kenshin Himura.

Kaoru Kamiya[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kaoru Kamiya.

È la protagonista femminile del manga. Maestra di kendo, si innamora all'istante di Kenshin.

Sanosuke "Zanza" Sagara[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sanosuke Sagara.

Yahiko Myōjin[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Yahiko Myojin.

Antagonisti[modifica | modifica sorgente]

Kihei e Gohei Hiruma[modifica | modifica sorgente]

Due fratelli che all'inizio del manga cercano di derubare l'ignara Kaoru e ingaggiano Sanosuke per sconfiggere Kenshin.

Kanryū Takeda[modifica | modifica sorgente]

Un industriale giapponese che smercia oppio. Con l'aiuto di Megumi Takani e degli Oniwabanshu di Aoshi, diventa un uomo molto potente. Viene arrestato dopo che ha ucciso i sottoposti di Shinomori.

Raijūta Isurugi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Raijuta Isurugi.

Maestro di spada corpulento e apparentemente molto forte. Sfrutta le ricchezze di un giovane benestante per mettere su un esercito che ribalti il governo.

"Cappello Nero" Jinne Udo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Jinne Udo.

Saga di Shishio[modifica | modifica sorgente]

Makoto Shishio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Makoto Shishio.

Yumi Komagata[modifica | modifica sorgente]

La fidanzata di Shishio. È talmente devota a lui che si lascia ammazzare pur di dargli un vantaggio nei confronti di Kenshin.

Sōjirō Seta[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Soujiro Seta.

Il più forte delle Dieci Spade. Fedelissimo di Shishio, affronta due volte Kenshin, ma alla fine si rende conto che a sbagliare non è il samurai vagabondo, bensì il suo capo.

Usui "La spada Cieca" Uonuma[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Usui Uonuma.

Anji Yūkyūzan[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anji Yukyuzan.

Anji è il colui che ha insegnato il Doppio colpo a Sanosuke. È un ex monaco buddista, passato dalla parte dei "cattivi" a causa di una vicenda legata alla sua giovinezza.

Hōji Sadojima[modifica | modifica sorgente]

Il consigliere di Shishio. Dopo la dipartita del capo, anche lui si toglie la vita.

Chō Sawagejō[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cho Sawagejo.

Kamatari Honjō[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kamatari Honjo.

Guerriero androgino, dall'aspetto e dai comportamenti prettamente femminili. Utilizza una grossa falce come arma.

Henya Kariwa[modifica | modifica sorgente]

È il primo vero avversario di Yahiko. Si libra in volo utilizzando della dinamite.

Iwanbō[modifica | modifica sorgente]

Un grassone che sembra essere tanto forte quanto tonto. In seguito si rivela essere un seguace di Enishi.

Saizuchi[modifica | modifica sorgente]

Un vecchietto famoso più per la sua abilità di mediatore loquace piuttosto che come guerriero. Si avvale dell'aiuto di Fuji.

Fuji[modifica | modifica sorgente]

Il gigante del Juppongatana. Viene affrontato e sconfitto da Seijuro Hiko.

Saga del Jinchu[modifica | modifica sorgente]

Enishi Yukishiro[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Enishi Yukishiro.

Gein[modifica | modifica sorgente]

Gein è colui che assunse le sembianze di Iwambo. Si tratta di un guerriero che usa le marionette per combattere, risultando inattaccabile e allo stesso tempo devastante. È lui a trarre in inganno tutti creando una sosia di Kaoru.

Hyōgo Kujiranami[modifica | modifica sorgente]

Un omaccione che ha un solo braccio, poiché anni prima Kenshin gliel'aveva tagliato. Ora utilizza un cannone al posto del braccio.

Banjin Inui[modifica | modifica sorgente]

È uno degli studenti di Tatsumi, il ninja che tentò di uccidere l'assassino Battosai. Per vendicare la morte del maestro vuole ammazzare Kenshin, ma a sbarrargli la strada ci pensa Sanosuke.

Hyōko Otowa[modifica | modifica sorgente]

Un altro combattente androgino, dall'aspetto di una drag queen. Utilizza tecniche particolari e molte volte velenosi. Viene sconfitto da Yahiko.

Mumyōi Yatsume[modifica | modifica sorgente]

Un membro di una famiglia la cui stirpe è stata allenata affinché gli arti del corpo crescessero più lunghi del normale, in modo da avere un vantaggio sugli avversari durante i combattimenti.

Hu Heishin[modifica | modifica sorgente]

Trafficante d'armi di origine cinese, è il numero due dell'organizzazione di Enishi. Nutre dei dubbi verso le azioni del suo capo e tenta in ogni modo di impartigli una lezione, tentando di uccidere Kenshin e privando quindi Enishi della sua vendetta. Heishi viene costantemente scortato da quattro corpulente guardie del corpo, da lui chiamati Sushin. Alla fine della storia, viene malmenato da Enishi, mentre cercava di uccidere Kaoru, e viene successivamente arrestato da Saito.

Sushin[modifica | modifica sorgente]

Sono le quattro guardie del corpo di Heishin: sono quattro gemelli di corporatura massiccia e con sempre la medesima espressione in volto, distinguibili unicamente da alcuni tatuaggi sulle loro teste. Sono in possesso di abilità fisiche sovraumane e combattono contro gli amici di Kenshin. A differenza dei protagonisti della saga, lottano unicamente per soddisfazione personale. I loro nomi sono rispettivamente

  • Seiryu:

È il primo dei Sushin a scendere in campo, si distingue per il tatuaggio del Kanji "Seiryu" in mezzo alla fronte e delle scaglie di drago sulle tempie. Utilizza in combattimento un'enorme alabarda e si definisce come il più bravo nel comprendere le tecniche dell'avversario. Combatte con Saito, mettendolo in difficoltà per la prima parte dello scontro, ma viene alla fine sconfitto dal Gatotsu dello Shinsengumi.

  • Suzaku:

È riconoscibile dal kanji "Suzaku" scritto in fronte e da un paio di ali tatuate sulle tempie. Come arma usa due spade gemelle e combatte riproducendo le tecniche del suo avversario. Combatte con Aoshi, riproducendo fedelmente tutte le sue tecniche, ma alla fine Aoshi lo sconfigge utilizzando il Kempo.

  • Byakko:

Terzo Sushin a scendere in campo, si riconosce per il kanji "Byakko" sulla fronte e delle striscie tigrate sulle tempie. È il migliore dei quattro sul confronto ravvicinato e porta due enormi bracciali borchiati ai polsi; solitamente combatte a mani nude, ma in caso di necessità può aprire i suoi bracciali e trasformarli in dei micidiali pugni di ferro. Affronta in combattimento Sanosuke, e riesce n un primo momento a colpirlo ripetutamente, ma viene infine sconfitto da un poderoso Doppio Colpo.

  • Gembu:

Ultimo dei Sushin a combattere, è identificabile dal kanji "Gembu" sulla fronte e da due gusci di tartaruga tatuati sulle tempie. È il più prudente dei suoi fratelli, e lotta usando un bastone snodabile in sei sezioni. È l'avversario di Yahiko. Mette in seria difficoltà l'allievo della scuola Kamiya Kassin, ma la sua eccessiva prudenza lo penalizza e gli fa perdere lo scontro.

I nomi dei Sushin sono ispirati alle Quattro Divinità del Giappone.

Gli Yaminobu[modifica | modifica sorgente]

Gli assassini che attentarono alla vita di Kenshin, traendolo in inganno grazie a Tomoe.

Murakami[modifica | modifica sorgente]

Il primo degli Yaminabu ad affrontare Kenshin con una doppia katana.

Nakajō[modifica | modifica sorgente]

Il miglior amico di Hyoko Otowa. Viene sconfitto da Kenshin e per sopperire a ciò si toglie la vita con un'esplosione che fa perdere temporaneamente l'udito a Kenshin.

Sumita[modifica | modifica sorgente]

Attacca Battosai insieme a Mumyoi con un'ascia. Anch'egli si toglie la vita per arrecare un danno a Kenshin.

Tatsumi[modifica | modifica sorgente]

Un uomo muscoloso e forte che affronta per ultimo Kenshin e che per poco non riesce ad ucciderlo. Il samurai riesce a sconfiggerlo solo grazie all'aiuto di Tomoe, la quale però perde la vita.

Altri Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Tomoe Himura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tomoe Yukishiro.

Seijūrō Hiko XIII[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Seijuro Hiko.

Himura Kenji[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kenji Himura.

Iizuka[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Iizuka (personaggio).

Tae Sekihara[modifica | modifica sorgente]

La proprietaria del ristorante Akabeko.

Tsubame Sanjō[modifica | modifica sorgente]

La cameriera dell'Akabeko. Si fidanza con Yahiko.

Hajime Saitō[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hajime Saito (personaggio).

Uramura[modifica | modifica sorgente]

Il commissario di polizia di Tokyo.

Vecchietto[modifica | modifica sorgente]

Un anziano uomo che girovaga tra i vari Rakunin Mura, cioè i rifugi per barboni. Dona preziosi aiuti morali a Kenshin e alla fine si rivela essere il padre di Enishi e Tomoe.

Megumi Takani[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Megumi Takani.

Oniwabanshū[modifica | modifica sorgente]

Gli Oniwaban sono i protettori del castello di Edo. Vengono tutti uccisi da Kanryu Takeda.

Aoshi Shinomori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aoshi Shinomori.

Misao Makimachi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Misao Makimachi.

La nipote di Okina. Prova oltre che amore, una incommensurabile ammirazione nei confronti di Aoshi.

Okina[modifica | modifica sorgente]

Lo stereotipo del personaggio anziano nei manga. Amante del gioco e delle belle donne, si rivela essere anche un ottimo combattente.

Han'nya[modifica | modifica sorgente]

Il più forte degli Oniwaban. Combatte utilizzando il kenpo, e possiede delle lame nascoste, simili ad artigli nei guanti (è ispirato a Wolverine). Porta una maschera da demone del teatro No, che nasconde il volto sfigurato; è il più devoto ad Aoshi. Viene prima sconfitto da Kenshin, e poi sacrifica la sua vita per permenttergli di sconfiggere Kanryu.

Hyottoko[modifica | modifica sorgente]

Un gigante con una pancia molto prominente. Hyottoko è un esperto di tecniche incendiarie, e combatte sputando fuoco, tramite un otre di olio che porta nello stomaco, incendiato grazie ai suoi denti fatti di pietra focaia; ha anche una forza sovrumana. Cerca, insieme a Beshimi e ad Hanya di riprendere Meguimi dalla palestra Kamiya, ma viene sconfitto da Sanosuke. Si riprende per lo scontro finale, e cerca di fermanre Kanyu, ma viene ucciso.

Shikijō[modifica | modifica sorgente]

Fisicamente è il più robusto e forte degli Oniwaban. Prima rivela di essere stato una spia di Satstuma, ma viene sconfitto da Aoshi, che gli propone di entrare negli Oniwaban. Il suo corpo è pieno di cicatrici, tanto che Sanosuke lo definisce "straccio rappezzato". Combatte usando un'enorme sfera d'acciaio legata ad una catena, ed ha i muscoli rinforzati con una medicina segreta. Viene affrontato da Sanosuke, di cui Shikijo riconosce le abilità ed invita a entrare negli Oniwaban, prima di venire sconfitto. In seguito accorre in aiuto di Aoshi ed è il primo a sacrificarsi per proteggere il suo capo dalla furia del gatling di Kanryu.

Beshimi[modifica | modifica sorgente]

Beshimi è il più piccolo e debole degli Oniwaban, e per questo combatte dalla distanza, usando degli hyo, piccoli proiettili spiralati di forma conica, che lancia schioccando le dita. Il suo fisico è molto magro, ha una testa grande e gli occhi da rettile. Beshimi era incaricato della sorveglianza di Megumi, ma quando cerca di catturala dopo che lei era fuggita, viene sconfitto da Kenshin, che gli rompe il naso. Mandato da Aoshi per riprenderla, assiste alla sconfitta di Hyottoko per mano di Sanosuke, e decide di uccidre Megumi, che viene salvata da Yahiko; qui scopriamo che i suoi hyo sono avvelenati. Interviene insieme a Hyottoko nella battaglia finale contro Kanryu e tenta un attacco a sorpresa contro di lui, ma viene falciato dal gatling prima di poter lanciare il suo colpo, e muore davanti ad Aoshi.