Pastor roseus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Storno roseo
Sturnus roseus.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Muscicapoidea
Famiglia Sturnidae
Genere Pastor
Specie P. roseus
Nomenclatura binomiale
Pastor roseus
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Sturnus roseus

Lo storno roseo (Pastor roseus (Linnaeus, 1758)) è un uccello passeriforme della famiglia degli Sturnidi. È l'unica specie del genere Pastor.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Alcuni storni rosei a Hyderabad (India).
Sturnus roseus

L'areale di nidificazione di questo uccello si estende dalle propaggini più orientali dell'Europa attraverso tutta la regione meridionale dell'Asia temperata. È un migratore eccellente e sverna in India e Asia tropicale. Durante l'inverno, in India, diviene spesso più numeroso degli storni e delle maine locali.

Vive nelle steppe e nelle distese agricole. Negli anni in cui cavallette e altri insetti sono molto abbondanti, alcuni esemplari di questa specie si allontanano dal loro consueto areale, spingendosi fino alla Francia e al Regno Unito.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lo storno roseo è lungo 22 cm, ha un'apertura alare di 36 cm e pesa 75 g. Gli esemplari adulti presentano testa, collo, ali e coda di color nero con riflessi metallici, specie in primavera. Sul capo è situata una cresta di piume nere. Il resto del corpo è di color rosa brillante molto caratteristico. Fra ottobre e gennaio il piumaggio è di toni più spenti, e la femmina in generale è meno lucida del maschio.

Gli esemplari giovani sono di colore brunastro a strisce o a macchie castane, pochissimo vistoso. Sono privi quasi interamente della cresta di piume.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Lo storno roseo cova spesso in colonie composte anche da migliaia di coppie. Non si riproduce in un periodo preciso dell'anno, ma si regola ogni volta in rapporto al tempo e al luogo, facendo attenzione soprattutto alle migrazioni di cavallette che si verificano a intervalli regolari. È evidente che, in conseguenza della rapida comparsa e della altrettanto rapida sparizione del suo alimento fondamentale, può covare una sola volta l'anno. Servendosi di rami ed erba costruisce con molta fretta un nido assai irregolare tra cumuli di pietre, e in cavità del terreno e dei muri; qui la femmina cova per soli 11-12 giorni le proprie uova (5 o 6). I piccoli lasciano il nido dopo appena 14-19 giorni. Questo uccello si ciba, oltre che di cavallette, anche di frutti (ad esempio uva), che vengono divorati con lo stesso piacere dimostrato dallo storno comune. I giovani vengono invece nutriti soprattutto con locuste migratrici, e quando questi insetti compaiono in gran numero, immediatamente si levano in volo sulla steppa le imponenti schiere di storni rosei, in cerca di prede.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Bird, J., Butchart, S.(BirdLife International) 2009, Pastor roseus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Sturnidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jønsson, Knud A. & Fjeldså, Jon (2006): A phylogenetic supertree of oscine passerine birds (Aves: Passeri). Zool. Scripta 35(2): 149–186. DOI: :10.1111/j.1463-6409.2006.00221.x (HTML abstract)
  • Snow, David W.; Perrins, Christopher M.; Doherty, Paul & Cramp, Stanley (1998): The complete birds of the western Palaearctic on CD-ROM. Oxford University Press. ISBN 0-19-268579-1

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli