Padiscià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Padishah)
Ahmad Shah Durrani, Padishah (o Badcha) e fondatore dell'Impero Durrani. Il diamante bianco Koh-i-Noor è visibile sul suo diadema.

Padishah o Padshah, anche Padeshah, Badishah o Badshah (persiano پادشاه, Pādeshāh), in italiano Padiscià, è un titolo reale (dal persiano: پادشاه , pādishāh, composto da pad "protettore" e shāh "sovrano"), denominazione ufficiale dei sultani ottomani.

Il termine padishah è stato adottato da vari monarchi che pretendevano per sé il più alto titolo regio, equivalente all'antica nozione antico-persiano di "Grande Re", adottato successivamente da sovrani post-Achemenidi e dagli imperatori cristiani. Titolo di antichi sovrani della Persia e dell'Afghanistan, è divenuto poi nome ufficiale del sultano di İstanbul. La carica equivaleva infatti a quella di Shahanshah (Scià) persiano, ovvero di "re dei re".

La parola Padishah è mutata successivamente nella parola turca Pascià, titolo onorifico preposto al nome proprio attribuito ai figli maggiori del sultano d'Istanbul e ai funzionari ottomani di grado elevato.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo è stato adottato dai monarchi di tre grandi imperi musulmani: lo Scià di Persia, il Sultano ottomano e, per un secolo e mezzo, dall'Imperatore Moghul di Delhi.
Altri sovrani, come Ahmad Scià Durrani e suo figlio Timur Scià Durrani, in Afghanistan, o l'ultimo Bey di Tunisi negli anni cinquanta del XX secolo, hanno tentato d'impiegare tale titolatura, senza tuttavia successo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]