OMIKE

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

OMIKE Unione Nazionale Ungherese Israelitica per l’Educazione 1910-1944 (In ungherese “Országos Magyar Izraelita Közművelődési Egyesület”).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizio[modifica | modifica wikitesto]

OMIKE fu fondata nel 1910 dal Rabbino Capo di Budapest, Simon Hevesi, con lo scopo di far conoscere i valori ebraici tradizionali. L’Unione ha promosso la vita religiosa. Sono state intraprese diverse attività per la cultura e il benessere, come per esempio mensa ed alloggio per gli studenti lavoratori, biblioteca, campi estivi. Furono organizzate conferenze. Dopo il 1930 OMIKE ha partecipato alla vita culturale. Attori, cantanti, artisti e tutti coloro che non potevano più esercitare la loro arte a causa delle leggi razziali, dal 1939 ottennero assistenza e protezione.[1]

Palcoscenico[modifica | modifica wikitesto]

Quando gli attori ebrei non poterono più partecipare agli spettacoli nei teatri e cinema L’Opera di Budapest propose che la Comunità Israelitica organizzasse spettacoli nella sala Goldmark della stessa Comunità. Il presidente della Comunità, Dr. Ribári riuscì ad ottenere i necessari permessi. (Vi potevano partecipare soltanto artisti ebrei). In questo modo nacque Palcoscenico presso l’OMIKE.

Programma[modifica | modifica wikitesto]

L’inaugurazione ebbe luogo l’8 gennaio 1940, con il dramma Mosè di Imre Madách. Il ruolo principale fu eseguito da Oszkár Beregi. Gli altri spettacoli erano:

4 maggio 1940 Pergolesi: La serva padrona

7 dicembre 1940 Wolff-Ferrari: Il segreto di Susanna

27 gennaio 1941 Mozart: Ratto del serraglio

4 novembre 1941 Szomory Dezső: Takáts Alice

21 dicembre 1941 Donáth Ede: Sulamit

15 maggio 1942 Mozart: Bastien e Bastienne

22 marzo 1943 Racine: Ester

L’ultimo spettacolo fu interrotto il 19 marzo 1944, quando i soldati tedeschi entrarono nel teatro a Seghedino durante le prove generali della commedia di Molière e chiusero il teatro. Questo decretò la fine dell’attività di quattro anni di OMIKE. [2]

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Direzione[modifica | modifica wikitesto]

László Bánóczi era direttore del Palcoscenico di OMIKE

Oszkár Beregi (1876, Budapest – 1965 Hollywood) attore, direttore. Negli anni 1940 - 1944 era il principale direttore di scena di Palcoscenico OMIKE. Nel 1944 ha dovuto nascondersi con l'aiuto di suo cognato, Pataky Kálmán, il noto tenore.

László Weiner (1916 Szombathely – 1944 Luvov) Compositore, pianista, direttore d’orchestra. Studiò con Kodály all’accademia. Nel 1942 sposò Vera Rózsa. Nel 1943 è stato deportato in campo di concentramento dove fu ucciso. Nemmeno Kodály riuscì a salvarlo.[3]

Cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Vera Rózsa (1921 - ). Studiò all’accademia come direttore d’orchestra e dopo come cantante. La prima volta cantò in pubblico al Palcoscenico d’OMIKE nel 1943, nel Judas Maccabeus di Händel e poi come Cherubino nelle Nozze di Figaro di Mozart. Ha trovato salvezza nell'ambasciata svedese, ma suo marito perì. Dopo la liberazione cantava al Teatro dell’Opera di Budapest e al Wiener Staatsoper.

Gabriella Relle (1902, Budapest – 1975) 1924–29 solista del Teatro dell’Opera di Budapest, negli anni trenta ha cantato al Berlin Staatsoper. Ha avuto oltre 40 ruoli.

Manc Herendi (1930 Budapest – ) attrice. Dopo la guerra ha svolto ruoli importanti in diversi teatri in Ungheria.

Dezső Ernster, (1898, Pécs – 1981, Zürich) Basso. Ha avuto gran successo in Germania, ma con l’arrivo dei nazisti è dovuto tornare in Ungheria. Era il cantante principale sul Palcoscenico d’OMIKE. Nel 1944 è stato arrestato e portato nel campo di Bergen Belsen, ma Rudolf Kastner è riuscito “comprare” la sua libertà con notevoli sacrifici finanziari ed inviarlo in Svizzera insieme con altri 1.684 ebrei. Dopo la guerra ha cantato al Metropolitan e diversi altri teatri in Ungheria e all’estero.

Moshe Schwimmer (1918, Ucraina 2003) Cantore. Ha studiato a Brno, dove anche cantava nel coro del Conservatorio. Quando sono arrivati i nazisti è fuggito a Budapest. Lì ha continuato lo studio e collaborato all’Organizzazione dell’OMIKE. Ha cantano in concerti finché fu arrestato e portato in campo di concentramento. Dopo la liberazione ha cantato in diversi luoghi e poi è andato in America dove a Chicago fece il Cantore nel Ezra Tempel per 30 anni

Béla Lénárd (1892, Vienna– 1960, Budapest) Attore. Negli anni venti ha fondato diversi Cabaret. Negli anni 1940–44 ha lavorato con OMIKE. Dopo la guerra ha lavorato in diversi teatri.

Pittori[modifica | modifica wikitesto]

Imre Ámos Ungár (1907, Nagykálló – 1943 Ohrdruf) Grafico. Ha eseguito numerosi disegni che erano esposti presso l’OMIKE. Più tardi è stato nuovamente arrestato ed inviato in Ucraina. Anche lì continuò a disegnare. Scrisse anche poesie. Nel 1943 i tedeschi lo costrinsero ad andare verso Occidente. Durante la marcia forzata morì in un luogo ignoto.

Ilka Gedő Ilka (1921, Budapest, 1985) Pittrice e grafica. Nel 1940 ha partecipato a due mostre presso OMIKE. Suoi lavori contengono anche disegni nel ghetto.

Scrittori[modifica | modifica wikitesto]

OMIKE ha presentato lavori classici ed opere di scrittori ebrei le cui opere erano vietate altrove.

Bálint Lajos : Támár (1942) Drama [4]

Károly Pap (1897 Sopron –1945 Bergen-Belsen) [5]

Dezső Szomory (1869, Budapest – 1944 Budapest)

Ernő Szép (1884, Huszt – 1953 Budapest)

Ferenc Molnár (1878, Budapest – 1952, New York)

Bródy Sándor

Ricordi[modifica | modifica wikitesto]

  • “Remény”, rivista sociale e culturale del mondo ebraico, si è ricordato il 65. anniversario di OMIKE nel 1998.[6]
  • OMIKE Konzert program Mai 1943und September 1947 [7]
  • 2004 Jahn Auktion Budapesten V. Szent István Ringstrassert. 11.[8]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Horák Magda (szerk.) With ancient faith and honor for the homeland, OMIKE: National Hungarian Jewish Public Civilization Association, assorted documents: 1909-1944 [9]
  • Hasznos Judit&nbsp–Garics Erika, Száz éves az OMIKE, 1998 Remény Folyóírság 2009 tavaszi számja [10]
  • Füzesi R., Színház az árnyékban (1991) [11]
  • Ősi hittel, becsülettel a hazáért OMIKE [12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pázmány Péter Katolikus Egyetem, 2002; http://www.zsidlex.extra.hu/
  2. ^ MAGYAR SZÍNHÁZTÖRTÉNET 1920-1949
  3. ^ The OREL Foundation | Articles & Essays | Remembering Seven Murdered Hungarian Jewish Composers
  4. ^ Hungarian Literature
  5. ^ Pap, Károly
  6. ^ www.or-zse.hu/konyv87.htm
  7. ^ http://www.judaika.hu/may2004/images/246.jpg
  8. ^ www.judaika.hu/may2004.doc
  9. ^ www.jewishroots.hu/sources_eng.xls
  10. ^ http://www.remeny.org/node/31
  11. ^ Magyar Színházművészeti Lexikon / OMIKE Művészakció
  12. ^ Háttér Kiadó